dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 6 maggio 2011

Per il pieno conviene sempre più espatriare

Rispetto alla media Ue da noi per un litro di verde si spende il 13,4% in più

Per il pieno conviene sempre più espatriare

Il record storico di 1,6 euro al litro raggiunto dalla benzina in Italia conferma il nostro Paese al di sopra del prezzo medio europeo: 1,38 euro al litro. In pratica da noi si spende il 13,4% in più, per questo conviene rifornirsi al confine, come sottolinea l'Adoc, dove il risparmio è garantito. In Svizzera si paga l'11,9% in meno, in Francia lo 0,6% in meno, in Austria la differenza è del 6%, in Slovenia la verde costa il 22,3% in meno. Solo in Scandinavia, in Gran Bretagna, in Grecia e in Olanda il prezzo è maggiore, ma trattandosi di Paesi non confinanti con il nostro gli automobilisti più "fortunati" di questi tempi, ovvero quelli che abitano vicino alle frontiere, possono tirare un sospiro di sollievo.

Cosa che invece non possono fare la maggior parte degli italiani, costretti a pagare quest'anno - come abbiamo già scritto - 200 euro in più per il caro carburante. Questi continui rincari stanno trasformando "la benzina in un bene di 'lusso', tanto che è in costante diminuzione il numero di automobilisti abituali, stimiamo che entro fine anno il 10% rinuncerà all'uso della macchina per muoversi - dice Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc -. Ribadiamo la nostra contrarietà ad ogni aumento dei prezzi dei carburanti, invece di imporre nuove tasse avrebbero dovuto essere tagliate di almeno 8 centesimi le precedenti accise e attuare subito la liberalizzazione del mercato della benzina e del gasolio all'ingrosso, un mercato oggi troppo stretto tra le grandi compagnie petrolifere. Le famiglie sono state abbandonate a sé stesse, non è più possibile ignorare i diritti e le esigenze di oltre 60 milioni di cittadini".

Autore:

Tag: Attualità , carburanti alternativi , carburanti


Top