dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 5 maggio 2011

Unrae: sulla benzina il governo intervenga

Non è ammissibile che le spese per l'auto superino quelle alimentari

Unrae: sulla benzina il governo intervenga

Carburanti che costano 1,6 euro al litro, cioè cinque volte di più di una bottiglia d'acqua da 1,5 litri o di una "rosetta". In pratica in questi giorni i carburanti per auto - non fa di certo eccezione il diesel che oggi costa tra l'1,479 e l'1,501 euro al litro - costano molto di più di beni di prima necessità come pane e acqua. Una situazione "inammissibile" secondo l'Unrae, l'Associazione delle Case automobilistiche estere presenti in Italia, che alla notizia dell'ennesimo record raggiunto dal prezzo della benzina ha diramato un comunicato stampa in cui chiede l'immediato intervento del governo.

"Chiediamo alla politica di intervenire e tutelare i consumatori, convocando subito un Tavolo di concertazione con le Associazioni di categoria, per trovare tutte le possibili soluzioni ad un problema che avrà effetti sull'intero Sistema Paese", dice il Direttore Generale Gianni Filipponi, ricordando che, tra l'altro, "sono state appena aumentate le accise sulla benzina, mentre si attendeva una loro riduzione visto che l'Erario sta incassando molta più IVA dai prodotti petroliferi". I continui aumenti del carburante alla pompa preoccupano quindi molto i costruttori, già alle prese con il calo delle immatricolazioni in Italia ed in Europa. Senza contare che ad aggravare la situazione c'è lo spettro dell'aumento dell'IPT.

Autore:

Tag: Attualità , carburanti


Top