dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 aprile 2011

Giappone: a marzo crollano produzione ed export

La JAMA dirama i primi dati ufficiali dopo la catastrofe

Giappone: a marzo crollano produzione ed export

Come era facilmente prevedibile, il mese di marzo 2011, che rimarrà tristemente nella storia per il cataclisma che ha colpito il Giappone, ha segnato un crollo su tutto il fronte per il settore automotive. Mentre gli effetti del disastro si avvertono anche al di fuori dei confini nipponici a causa della riduzione delle scorte di componenti e la situazione della centrale nucleare di Fukushima suggerisce prudenza, la JAMA (Japan Automobile Manufacturers Association) ha diffuso i dati di produzione, vendite ed export relativi al mese di marzo 2011, che fotografano un'industria praticamente bloccata al di là delle previsioni.

PRODUZIONE: -57,7%
La produzione automobilistica giapponese, escludendo veicoli commerciali e mezzi pesanti, in marzo si è fermata a 348.474 unità: rispetto allo scorso anno questa cifra si traduce in un crollo del 57,7% rispetto alle 823.943 vetture prodotte 12 mesi fa. Nel dettaglio, ad aver subito la contrazione più significativa della produzione fra i grandi costruttori è stata Mitsubishi (49.434 vetture prodotte, -74,3%), seguita da Isuzu (8.029, -49,4%), Nissan (47.590, -47,6%), Mazda (39.887, -46,4%), Daihatsu (28.091, -42,7%), Suzuki (41.790, -39,8%), Toyota (129.491, -37,3%), Honda (34.754, -37,1%), Subaru (-35,1%).

IMMATRICOLAZIONI: -37,4%
Crollano anche le registrazioni di auto nuove: con 363.574 unità, il calo è stato del 37,4% contro una produzione che nel marzo 2010 ammontava a 580.337 unità. Per quanto riguarda i grandi marchi, le vendite in patria di Lexus sono scese dell'89,8% (4.417 unità), Honda del 73,8% (55.370), Suzuki del 66,9% (44.11), Daihatsu del 66,7% (43.516), Mazda del 64,3% (17.811), Nissan del 63,9% (52.782), Mitsubishi del 63,8% (14.926) e Toyota del 51,34% (98.152).

EXPORT: -25,8%
Con una produzione che procede ancora a singhiozzo è scontato che cali anche l'esportazione di automobili. Le vetture esportate dal Giappone verso l'estero sono state 276.551 rispetto alle 372.476 del marzo 2010: giù, cioé, del 25,8%. Il valore totale delle esportazioni di tutta la filiera automotive (veicolo più componentistica) è sceso invece da 12,05 miliardi di dollari a 9,97 miliardi di dollari, per una contrazione del 17,3%.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , auto giapponesi , produzione , giappone


Top