dalla Home

Mercato

pubblicato il 22 aprile 2011

Anche Skoda scommette sulla Cina

180.000 le auto vendute nel 2010 e dal 2013 la Yeti sarà prodotta in loco

Anche Skoda scommette sulla Cina
Galleria fotografica - Skoda VisionDGalleria fotografica - Skoda VisionD
  • Skoda VisionD - anteprima 1
  • Skoda VisionD - anteprima 2
  • Skoda VisionD - anteprima 3
  • Skoda VisionD - anteprima 4
  • Skoda VisionD - anteprima 5
  • Skoda VisionD - anteprima 6

Lo stand di Skoda al Salone di Shanghai rivela le ambizioni del brand nell'orbita Volkswagen: rafforzare la propria posizione nei mercati internazionali. La Cina infatti sta diventando sempre più importante nella sua strategia di prodotto, rappresentando attualmente il primo mercato estero per la Casa di Mladà Boleslav. A Shanghai quindi Skoda presenta il suo nuovo linguaggio, tramite la VisionD, e la sua ultima tecnologia, con il prototipo elettrico Octavia Green E Line. Per crescere ulteriormente dal 2013 la Casa inizierà a produrre in loco lo Yeti e contestualmente verrà ampliata la rete di vendita, che passerà dagli attuali 100 a circa 400 concessionari.

UNA CRESCITA CONTINUA
Il 2010 si è chiuso per Skoda con un risultato record: 762.600 vetture vendute nel mondo, con un incremento dell'11,5% rispetto all'anno precedente. "In pochi avrebbero saputo prevedere quanto saremmo cresciuti in Cina, un mercato in cui la Skoda è entrata solo 4 anni fa", ha detto il Presidente, Winfried Vahland, sottolineando che questo trend positivo è continuato nel primo trimestre del 2011: le vendite della Casa ceca a livello mondiale nel periodo gennaio-marzo sono incrementate del 21,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La crescita è stata ancora più significativa nel Paese asiatico, dove le vendite nei primi tre mesi del 2011 sono aumentate del 27,4%, toccando quota 54.400 unità.

UNA CONCORRENZA SEMPRE PIU' AGGUERRITA
Questi risultati rappresentano la base di partenza per i prossimi obiettivi. "Con la nuova strategia di crescita puntiamo a raddoppiare le vendite, tagliando il traguardo degli 1,5 milioni di unità nel mondo entro il 2018", ha spiegato Vahland, secondo cui entro la fine del decennio il mercato automobilistico globale raggiungerà gli 85 milioni di unità all'anno, con la sola Cina a quota 20 milioni. Per questo in futuro la Casa automobilistica ceca mira a realizzare più della metà delle vendite al di fuori dell'Europa. La concorrenza in Cina però diventerà ancora più serrata e per farvi fronte Skoda conterà anche sulla rete di vendita ben organizzata e sull'ampio sostegno del Gruppo Volkswagen. "Inoltre potremo beneficiare dei vantaggi che derivano dalla produzione in loco e dalla stretta collaborazione con i partner locali", ha detto Vahland.

Galleria fotografica - Skoda Octavia E Green LineGalleria fotografica - Skoda Octavia E Green Line
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 1
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 2
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 3
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 4
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 5
  • Skoda Octavia E Green Line - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , Skoda , shanghai , cina


Top