dalla Home

Novità

pubblicato il 19 aprile 2011

Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet

Berlina e cabrio più "cattive" debuttano al Salone di New York

Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet
Galleria fotografica - Chrysler 200 S Berlina e CabrioletGalleria fotografica - Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 1
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 2
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 3
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 4
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 5
  • Chrysler 200 S Berlina e Cabriolet - anteprima 6

Dopo aver lanciato sul mercato americano la Chrysler 200 in versione berlina e cabriolet, la Casa di Auburn Hills offrirà in patria a partire dall'estate le versioni sportive denominate rispettivamente Chrysler 200 S e Chrysler 200 S Convertible, distinte dal resto della gamma standard per alcuni affinamenti tecnici ed estetici che puntano alla clientela più attenta al piacere di guida.

LOOK "S"
Le 200 S presentate al Salone di New York (22 aprile-1 maggio) guadagnano personalità grazie ad un frontale "incattivito" da un paraurti ribassato con una presa d'aria che mima uno splitter, calandra scura in luogo di quella cromata sormontata dal logo Chrysler su sfondo nero, maniglie e retrovisori in tinta con la carrozzeria, parabole dei fari brunite e nuovi cerchi in lega leggera da 18" con finitura scura. Stesso trattamento anche per gli interni, che guadagnano un "appeal" vagamente corsaiolo con rivestimenti in pelle traforata per il volante, sedili in pelle riscaldati con inserti scamosciati e logo "S" su poggiatesta, cielo nero e un impianto audio Boston Acoustic CD/DVD/MP3 da 276W con hard disk da 30 gigabyte. La 200 S Convertible è sempre disponibile nelle due varianti con hard top o tetto in tessuto.

HANDLING MIGLIORATO
L'"operazione S" lanciata da Chrysler non si è limitata però solo ad interventi estetici. E' stata rivista infatti anche la geometria delle sospensioni, allargata la carreggiata di 2,5 centimetri, ribassata l'altezza da terra di 12 mm all'anteriore e 6 mm al posteriore e adottati pneumatici più larghi, da 215 a 225 mm di impronta. Tutto ciò con l'obiettivo di rendere maggiormente sfruttabili dai guidatori più smaliziati i 283 CV del V6 3.6 litri Pentastar. Il prezzo negli USA è pari rispettivamente a 18.800 e 22.700 euro. Dal momento che il Gruppo Fiat non ha ancora deciso se importerà la 200 anche in Europa come Lancia Flavia, le Chrysler 200 S dovrebbero rimanere, almeno fino alla fine dell'anno, disponibili solamente in Nordamerica.

Autore:

Tag: Novità , Chrysler , auto americane , serie speciali , dall'estero


Top