dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 18 aprile 2011

Nissan Leaf Nismo RC

Al Salone di New York arriva la versione da competizione dell’auto elettrica giapponese

Nissan Leaf Nismo RC
Galleria fotografica - Nissan LeafGalleria fotografica - Nissan Leaf
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 1
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 2
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 3
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 4
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 5
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 6

Nissan presenta al Salone di New York (21 aprile - 1 maggio) la Leaf Nismo RC, versione da corsa dell'omonima auto elettrica che proprio dal mese scorso ha iniziato ad essere consegnata in tutto il mondo, Europa compresa, ma Italia esclusa.

UNA PROPOSTA SERIA
Un colpo ad effetto, certo, ma anche un esperimento con tutti i crismi della realtà, a cominciare dalla sigla Nismo - che sta per Nissan Motorsport - affidata dalla casa giapponese non certo alle showcar, ma alle vetture da competizione destinate a portare alta la bandiera in pista in campionati come il Super GT e il FIA GT1. Infatti questa Leaf vuole essere una proposta seria per la costituzione di una serie sportiva dedicata alle auto verdi e che avrebbe il compito di sviluppare tutte le tecnologie da travasare poi sulle auto di serie dotate di forme di propulsione alternative.

CARBONIO E TRAZIONE POSTERIORE PER SCENDERE IN PISTA
La Leaf Nismo RC è un'auto da corsa vera e non la vettura di serie riadattata. La scocca infatti è in fibra di carbonio in tre pezzi, inoltre batteria, elettronica e motore sono stati spostati in posizione centrale trasferendo dunque la trazione sulle ruote posteriori. Totalmente diverse anche le sospensioni, a doppio braccio oscillante su tutte e quattro le ruote al posto delle anteriori McPherson e di quelle posteriori ad assale torcente. Grazie anche all'abitacolo ridotto all'osso e rinforzato con un rollbar, il peso della vettura in ordine di marcia è di 938 kg, ovvero circa il 40% in meno della Leaf di serie e con una ripartizione molto più favorevole. Metro alla mano, la Nismo è di 20 mm più lunga e più larga di ben 170 mm, inoltre ha il passo è più corto di 97 mm. L'altezza da terra è stata inoltre diminuita da 160 a 61 mm e quella della seduta addirittura di 350 mm portandola a quote da autentica auto da corsa. Le ruote sono da 18 pollici con pneumatici Bridgestone P225/40 R18 su cerchi a 6 razze.

MOTORE E BATTERIA SONO GLI STESSI
Favorita anche l'aerodinamica che, grazie all'assenza di un motore a scoppio, può contare su prese d'aria dalla superficie molto ridotta, il minimo necessario al raffreddamento dei freni e della batteria agli ioni di litio. Nettamente diversa poi l'estetica, messa a punto dal Nissan Global Design Center in Giappone e caratterizzata dalla speciale verniciatura Bianco Perla applicata in 4 strati. Le fiancate sono dominate dai parafanghi sporgenti e prive delle portiere posteriori, la coda è sormontata dalla grande ala poggiata su un doppio supporto centrale e regolabile dal guidatore attraverso un comando sulla plancia. Allo stesso modo, il pilota può anche variare la ripartizione della forza frenante tra i due assali. Gli unici numeri a non cambiare sono quelli del motore, identico a quello di serie da 80 kW, così come la batteria da 24 kWh di capacità che assicura 20 minuti di autonomia in corsa e può essere ricaricata all'80% in 30 minuti attraverso una colonnina a ricarica rapida.

LA CORSA ALLE EMISSIONI ZERO
Le prestazioni, in virtù di un rapporto peso/potenza nettamente più favorevole, dicono che la Nismo accelera da 0 a 100 km/h in 6,85 secondi al posto degli 11,9 impiegati dall'auto di serie mentre la velocità massima sale da 144 a 150 km/h. E tutto, naturalmente con rumore ed emissioni pari a zero. Resta da vedere se la proposta di Nissan si tramuterà in un campionato vero e proprio e se sarà raccolta da altri costruttori che hanno in listino o stanno per introdurre auto ad emissioni zero. Certo l'idea di un calendario di gare con auto solo elettriche non fa venire i brividi alla schiena, ma se questo è il futuro dell'automobile e le competizioni servono a sviluppare le soluzioni destinate alla produzione di serie di domani, si dovrà cominciare primo o poi. E la Nissan vuole fare da apripista anche in questo caso, con la Leaf.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Prototipi e Concept , Nissan , auto giapponesi , new york , auto elettrica


Top