dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 aprile 2011

Il giocattolo di Marchionne? Una Ferrari Enzo

Nei rari momenti di relax il numero uno del Lingotto "corre" a Balocco

Il giocattolo di Marchionne? Una Ferrari Enzo
Galleria fotografica - Ferrari Enzo: Marchionne a BaloccoGalleria fotografica - Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 1
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 2
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 3
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 4
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 5
  • Ferrari Enzo: Marchionne a Balocco - anteprima 6

Secondo alcuni Sergio Marchionne sarebbe solo un freddo uomo di finanza, un capitano d'industria perennemente impegnato fra Detroit e Torino per ridefinire lo scacchiere mondiale dell'industria automobilistica. In pochi sanno però che dietro l'apparenza del manager in maglioncino c'è un'autentica passione per l'auto e la guida veloce. A conferma di questo lato meno conosciuto di Marchionne si aggiunge anche l'inatteso gusto per l'alta velocità in circuito. L'11 aprile scorso al centro prove Fiat di Balocco (VC) il dirigente italo-candese-svizzero si è infatti lanciato in alcuni giri veloci sulla pista piemontese a bordo della sua nera Ferrari Enzo.

IL GARAGE DEI "BALOCCHI"
A quanto pare Marchionne non è nuovo a questi exploit da pilota e quando gli capita di essere a Balocco per eventi speciali o una teleconferenza Chrysler come lunedì scorso non perde occasione di mettersi al volante della supercar di Maranello da 660 CV e quasi 350 km/h. La Enzo, con targa svizzera e verosimilmente di proprietà dell'AD Fiat, è ospitata in un garage semi-nascosto in compagnia di altre due vetture coperte da teli rossi con marchio Alfa Romeo (8C Competizione?) e dà proprio l'impressione di essere uno dei "giocattoli" preferiti di Marchionne.

UN HOBBY VELOCE
Che il dirigente Fiat amasse alternare i pressanti impegni di lavoro con la velocità, le belle macchine e la guida sportiva è cosa nota, confermata dall'incidente del 2007 in cui distrusse la sua Ferrari 599 GTB, ma non è altrettanto risaputo questo suo vezzo di concedersi piccoli sfoghi allo stress. D'altra parte, come biasimarlo: per un uomo sempre di corsa come lui, non può esserci hobby più indicato e, avendo un circuito a disposizione, chi non lo farebbe al posto suo?

Autore:

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane


Top