dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 aprile 2011

Caterham Seven Supersport

Telaio da corsa per la nuova nata di Dartford

Caterham Seven Supersport
Galleria fotografica - Caterham SupersportGalleria fotografica - Caterham Supersport
  • Caterham Supersport - anteprima 1
  • Caterham Supersport - anteprima 2
  • Caterham Supersport - anteprima 3

La Caterham Supersport è l'ultima interpretazione della sportiva inglese per antonomasia, fedele al credo tecnico di Colin Chapman - ideatore della sua antenata, la Lotus Seven - che ricercava le prestazioni affidandosi alla leggerezza. La nuova nata deriva dalla vettura da competizione che gareggia nel campionato "Caterham Supersport Championship", con cui condivide molle e ammortizzatori delle sospensioni. Il telaio si caratterizza poi per l'adozione di un differenziale autobloccante, di barre anti-rollio più rigide e sedili in fibra di carbonio, con attacchi per le cinture di sicurezza a 4 punti. Con 520 kg di peso, il motore Ford Sigma da 1,6 litri da 140 CV garantisce alla vettura un'accelerazione da 0 a 60 miglia/ora (0-97 km/h) in 4,9 secondi.

Grazie al cambio a 5 marce dai rapporti ravvicinati, la velocità massima di 120 miglia/ora (193 km/h) si raggiunge senza dover disporre di un lancio troppo lungo e in queste condizioni può far comodo il parabrezza, disponibile come optional. Dalla "sorella" più prestazionale, la CR500, la Caterham Supersport prende invece in prestito gli pneumatici Avon su cerchi da 13 pollici. Come consuetudine per la factory britannica, è possibile acquistare la vettura scegliendo fra due opzioni. L'auto viene venduta assemblata al prezzo di 25.876 euro (22.995 sterline), ma è possibile montarla pezzo per pezzo nel proprio garage grazie al kit di montaggio offerto a 22.496 euro (19.995 sterline). Mark Edwards, il responsabile dell'engineering della Caterham definisce così la nuova sportscar. "Abbiamo costruito vetture più potenti e veloci in passato, ma la Supersport racchiude in sé tutte le nostre radici: carattere, 'value for money' e bassi costi di gestione".

Autore:

Tag: Curiosità , guida sportiva , auto inglesi , dall'estero


Top