dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 8 aprile 2011

Su strada con le Opel del futuro

A batterie, ad autonomia estesa e a idrogeno: le abbiamo testate in Germania

Su strada con le Opel del futuro
Galleria fotografica - Opel Meriva MeRegio - eMobility WorkshopGalleria fotografica - Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 1
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 2
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 3
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 4
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 5
  • Opel Meriva MeRegio - eMobility Workshop - anteprima 6

L'atmosfera al GM Test Center di Dudenhofen, in Germania, é elettrica. La commercializzazione in Europa dell'Opel Ampera e della Chevrolet Volt a fine 2011 galvanizza infatti tecnici e manager della GM Europe, che apre i cancelli del suo proving ground vicino a Francoforte e mostra alla stampa le auto elettriche del futuro (prossimo e remoto). Oltre alla Ampera, portabandiera dei veicoli ad autonomia estesa E-REV (Electrical Range Extended Vehicles, o anche ibridi in serie), abbiamo provato su strada la Hydrogen 4 - quarta generazione di auto FCEV (Fuel Cell Electric Vehicle) con celle a combustibile - e un prototipo di Meriva BEV (Battery Electric Vehicle), la Meriva MeRegio, alimentata a batterie e capace di "vendere" elettricitá alla rete durante la ricarica, nell'ambito del progetto Minimum Emission Region (MeRegioMobil) promosso dal governo tedesco.

UN'ELETTRICA PER OGNI UTILIZZO
La mission di un'automobile, cioé le condizioni di utilizzo in cui verrá utilizzata (cittá, lunghi viaggi, ...) e il tipo di veicolo (citycar, berlina, veicolo commerciale, autobus, ...) fissano i parametri di progetto dell'architettura di un'auto elettrica. La coperta, come si suol dire, é corta e sono due le esigenze contrastanti da far collimare: la densitá di energia e la densitá di potenza delle batterie. Ottimizzando la prima, si ottengono una buona autonomia e ricariche rapide - é qui che si posizionano i veicoli BEV - mentre privilegiando la seconda si fornisce al motore la potenza necessaria a garantire elevate prestazioni o a spostare veicoli di elevati dimensioni e peso, dove la tecnologia FCEV risulta essere vincente. Una vettura ibrida E-REV ad autonomia estesa si posiziona invece nel mezzo, utilizzando solo una parte dell'energia delle batterie e gestendo i cicli di carica/scarica in collaborazione con il motore a pistoni. Dei 16 kWh installati a bordo dell'Ampera, infatti, circa 8 alimentano effettivamente i motori elettrici, evitando di far lavorare gli accumulatori al massimo delle loro potenzialità e incrementandone la vita utile a 8 anni o 160.000 km, come da garanzia Opel. Questo compromesso è frutto di una precisa scelta progettuale: un veicolo BEV con autonomia paragonabile a un'elettrica ad autonomia estesa - fino a 80 km in puro elettrico, 500 km in modalità range extended - necessiterebbe di una quantità di batterie enorme (con problemi di spazio e peso), con tempi di ricarica lunghissimi (circa 20 h).

LA "PRESA"... DI CONTATTO
Il percorso organizzato dalla Casa del Fulmine per farci scoprire le doti delle tre Opel - la Hydrogen 4, l'Ampera e la Meriva MeRegio - ha coinvolto le strade e superstrade che circondano il proving ground di Dudenhofen, attraversando anche qualche centro abitato. Si è trattato più che altro di un assaggio e, in particolare per la Ampera, vi rimandiamo alla prova completa effettuata da OmniAuto.it per approfondire le impressioni di guida.

LA MERIVA CHE "COMMERCIA" ENERGIA
Il nostro test ha avuto inizio con la Meriva MeRegio, uno dei tre prototipi costruiti con l'obiettivo di vendere energia elettrica alla rete. Rispetto a un veicolo elettrico "convenzionale", la novità tecnica di questa vettura risiede nell'inverter, in grado di gestire il flusso bi-direzionale di elettricità quando connesso alla stazione di ricarica (sviluppata dalla Bosch). Il software di controllo gestisce come restituire energia all'infrastruttura quando l'auto è collegata alla presa, basandosi sullo stato delle batterie e sul tempo impostato dall'utente per il successivo utilizzo del veicolo. Alla guida di questa Meriva elettrica si avverte una rumorosità superiore alle aspettative, forse dovuta alla sua natura di prototipo. La sterzo è leggero e progressivo - ma vuoto ai piccoli angoli - e dalla leva del cambio è possibile selezionare 3 diverse modalità di funzionamento: "normale", "rigenerativa" e "scorrevole". La differenza tra le ultime due si avverte in rilascio, quando si percepisce più o meno resistenza all'avanzamento in base alla quantità di energia cinetica che viene restituita alle batterie, posizionate nel vano motore, sotto i sedili posteriori e sotto il bagagliaio, per distribuirne il peso.

LA QUARTA EVOLUZIONE DELL'IDROGENO
La Opel Hydrogen 4 che abbiamo provato è uno degli esemplari che General Motors sta sottopondendo a test in tutto il mondo, coinvolgendo anche automobilisti "normali" per provare i veicoli a idrogeno in condizioni d'utilizzo quotidiane. A Berlino, per esempio, gli utenti di queste vetture con celle a combustibile indicano al Costruttore le aree da migliorare, effettuando anche il rifornimento nelle stazioni già costruite sul territorio tedesco. La principale caratteristica che abbiamo riscontrato alla guida di questo prototipo è il feedback approssimativo al pedale del freno, così come lo sterzo è decisamente troppo "scollegato" da ciò che succede sotto le ruote anteriori. Impressiona, invece, la ripresa a qualsiasi velocità, mentre il rumore del compressore pneumatico e del sistema di raffreddamento che assistono le fuel cell rimane invece di sottofondo, contribuendo ad un apprezzabile silenzio durante la marcia.

SI AVANZA SENZA SFORZO E NEL SILENZIO
Rispetto al test della Ampera effettuato da OmniAuto.it, le impressioni del nostro secondo incontro con questa ibrida Opel hanno tenuto conto del confronto con la Meriva MeRegio e con la Hydrogen 4. La spinta dei motori elettrici è inferiore a quella sperimentata con il veicolo fuel cell, ma la souplesse di marcia è notevole. Al termine della prova la carica presente nelle batterie era finita, e il 4 cilindri da 1,4 litri a benzina si è messo in moto a velocità costante, facendosi sentire nell'abitacolo con un rumore a cui bisognerà fare l'abitudine, perchè reso più evidente dalla silenziosità durante il funzionamento puramente elettrico e perchè scollegato dalla velocità della vettura. La grafica della strumentazione digitale è accattivante e contribuisce all'atmosfera hi-tech dell'Ampera. All'ingegnere della Opel che ci ha accompagnato nella prova abbiamo poi chiesto se il prossimo modello di E-REV adotterà un motore diesel. Probabilmente si, anche se la scelta di un propulsore a benzina, pensata per le esigenze del mercato USA, ha nei minori costi, ingombri e rumorosità le sue ragion d'essere.

Galleria fotografica - Opel Hydrogen 4 - eMobility WorkshopGalleria fotografica - Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 1
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 2
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 3
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 4
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 5
  • Opel Hydrogen 4 - eMobility Workshop - anteprima 6
Galleria fotografica - Opel Ampera - eMobility WorkshopGalleria fotografica - Opel Ampera - eMobility Workshop
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 1
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 2
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 3
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 4
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 5
  • Opel Ampera - eMobility Workshop - anteprima 6
Galleria fotografica - Opel eMobilityGalleria fotografica - Opel eMobility
  • Opel eMobility - anteprima 1
  • Opel eMobility - anteprima 2
  • Opel eMobility - anteprima 3
  • Opel eMobility - anteprima 4
  • Opel eMobility - anteprima 5
  • Opel eMobility - anteprima 6

Scheda Versione

Opel Ampera
Nome
Ampera
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
3 volumi
Porte
5 porte
Motore
ibridaestesa
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Opel , mobilità sostenibile , auto europee , auto elettrica , auto ibride


Listino Opel Ampera

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4 E-Rev anteriore elettrico 150 1.4 4 € 40.220

LISTINO

 

Top