dalla Home

Test

pubblicato il 7 aprile 2011

Jaguar XF, la prova in anteprima del Diesel 4 cilindri

Anche con lo Start&Stop l'onore del Giaguaro è salvo

Jaguar XF, la prova in anteprima del Diesel 4 cilindri
Galleria fotografica - Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprimaGalleria fotografica - Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 1
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 2
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 3
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 4
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 5
  • Jaguar 2.2 Diesel 4 cilindri - Il test in anteprima - anteprima 6

I padri fondatori di Jaguar, probabilmente, non staranno godendo il loro eterno riposo. Non solo il gasolio ha fatto "irruzione" da tempo, sotto i cofani di Coventry, ma da fine estate-inizio autunno di quest'anno lo farà anche con un "volgare" quattro cilindri su uno dei modelli di punta, la XF. Quando l'obiettivo è crescere, però, non c'è spazio per il romanticismo. Gli automobilisti europei vogliono il diesel di piccola cilindrata? Bisogna darglielo. E noi l'abbiamo provato in anteprima, anche se su un modello preserie.

I 190 CAVALLI
Ovvio, pur sempre di una Jaguar si tratta. Quindi, il 4 cilindri in questione - 2.2 di cilindrata - eroga la bellezza di 190 cavalli e 450 Nm di coppia. Numeri sufficienti per spostare la berlina anglosassone con brio, come abbiamo avuto modo di testare nella breve prova attorno alla fabbrica di Whitley (sotto la stretta sorveglianza degli autovelox del Warwickshire). Tuttavia, se le risposte al pedale del gas sono brillanti, è innegabile che la sonorità sia meno "nobile" rispetto a quella del V6: in basso si avverte qualche vibrazione e in alto il "ticchettio" del diesel si fa vivo senza troppi complimenti. Nulla più, tuttavia, di quanto si possa riscontrare sulle tanto osannate tedesche di pari categoria con propulsore a quattro cilindri; vale a dire, Audi A6 2.0 TDI, BMW 520d e Mercedes 220-250 CDI. Anzi, a differenza delle tedesche, l'inglese offre il cambio automatico di serie.

LO START&STOP
Il cambio in questione è un 8 marce prodotto da ZF che fa della dolcezza di funzionamento la sua bandiera, pur non disdegnando la guida sportiva: i passaggi da un rapporto all'altro sono rapidi, così come l'esecuzione dei comandi impartiti con i paddles. Come detto, l'arrivo su strada del 2.2 è programmato per l'autunno, stagione buona per la caduta di un altro tabù: la XF 2.2 porterà al debutto il sistema Start&Stop, presente sull'auto del test: lo spegnimento e il riavvio non generano scuotimenti, l' "onore" Jaguar è salvo.

Scheda Versione

Jaguar XF
Nome
XF
Anno
2008 (restyling del 2011) - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Jaguar , auto inglesi


Top