dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 7 aprile 2011

BMW: lightweight design intelligente

Il gruppo tedesco presenta alcune innovazioni per alleggerire l'auto

BMW: lightweight design intelligente
Galleria fotografica - Lightweight design intelligente BMWGalleria fotografica - Lightweight design intelligente BMW
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 1
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 2
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 3
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 4
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 5
  • Lightweight design intelligente BMW - anteprima 6

Durante l'Innovation Day 2011 il Gruppo BMW ha presentato una serie di innovazioni e nuovi concetti legati alla mobilità sostenibile e alla produzione di vetture sempre più efficienti e meno inquinanti. Una delle strade indicate dal costruttore bavarese si basa sul principio del "lightweight design intelligente" che punta all'ottimizzazione del peso complessivo attraverso l'alleggerimento delle varie componenti auto. I materiali e le parti delle attuali e future BMW e MINI seguono già in fase di progetto il principio della riduzione del peso, ottenuta con l'utilizzo di leghe leggere, materiali compositi e materie prime rinnovabili.

OGGI L'ALLUMINIO
Uno degli esempi portati dalla Casa di Monaco di Baviera è quello della nuova BMW Serie 5, dove si è cercato di coniugare al meglio le esigenze di robustezza e rigidità della scocca (+55%), elevati criteri di sicurezza, comfort e agilità di guida. Sulla berlina e sulla Touring viene utilizzato un mix di materiali che vede in primo piano l'alluminio per portiere, fiancate anteriori e cofano motore (-23 kg in totale) e un più ampio uso di acciaio altoresistenziale lavorato a caldo.

DOMANI IL CARBONIO
Una sfida già nota di BMW e affrontata da altre case (vedi Lamborghini) è quello della materia plastica rinforzata con la fibra di carbonio (CFRP), che vedrà il suo primo utilizzo su larga scala sulle BMW i3 e i8 del 2013. La realizzazione dell'abitacolo in fibra di carbonio permetterà ai due nuovi modelli elettrici ed ibridi di combinare resistenza elevata e peso ridotto, utilizzando al contempo un processo produttivo che sfrutta i tagli di scarto della fibra di carbonio per realizzare altre parti della scocca. Questo sistema di lavorazione è già stato sperimentato da BMW M GmbH su di un cofano motore e sul tetto della BMW M3 Coupé.

PIU' LEGGEREZZA, MENO RUMORE
Un altro tema affrontato da BMW nel percorso di innovazione dell'auto è quello del "lightweight design acustico" applicato ai motori, che sfruttano un numero sempre maggiore di parti in lega d'alluminio e magnesio per ridurre anche le emissioni acustiche. Un esempio in tal senso viene dall'isolamento acustico del filtro antiparticolato dei diesel, incapsulato per ridurre il rumore e velocizzare il raggiungimento della temperatura di esercizio. L'ultimo aspetto del lightweight design intelligente mostrato nel corso del BMW Innovation Day 2011riguarda la riduzione del peso nella zona delle sospensioni, delle ruote e dei freni. I questa ottica i modelli BMW di serie montano un involucro del piantone dello sterzo in magnesio (-2 kg), una staffa di fissaggio della barra stabilizzatrice e di un supporto oscillante in materia plastica a fibre rinforzata (-0,4 kg) e una traversa del cambio in materiale termoplastico (1 kg). BMW preannuncia per le proprie vetture del prossimo futuro un alleggerimento delle componenti dell'assetto di oltre 20 kg, ottenuto con sistemi di molle portanti in materia plastica rinforzata con fibra di vetro che consentono un risparmio di 6 kg e di un impianto frenante con pinza fissa in alluminio e un disco freno in lega leggera (-8 kg).

Autore:

Tag: Curiosità , Bmw , mobilità sostenibile , auto europee


Top