dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 23 marzo 2011

Confindustria: l'Ue alzi il minimo di tasse sul gasolio

Secondo le imprese di autotrasporto così si riduce la distorsione concorrenziale

Confindustria: l'Ue alzi il minimo di tasse sul gasolio

Elevare il livello minimo di accise per litro di gasolio per essere più competitivi. E' questa la richiesta di Anita, l'associazione di Confindustria che riunisce le più grandi imprese di autotrasporto in Italia, alla Commissione Europea, che sta lavorando alla modifica della direttiva sull'argomento. Come ha spiegato il presidente di Anita, Eleuterio Arcese, in Italia il gasolio incide per il 20-30% sui costi di esercizio delle imprese italiane di autotrasporto e l'accisa per il 40% circa sul prezzo alla pompa. La norma europea vigente fissa il livello minimo di accise pari a 0,330 euro per litro di gasolio mentre nel nostro Paese sono pari a 0,423 euro, cifra che - anche sottraendo il rimborso previsto - porta il livello a 0,403 euro, tra i più alti del Vecchio Continente.

Anita vuole quindi "avvicinare i costi delle imprese italiane a quelli delle imprese degli altri paesi" e per ridurre la distorsione concorrenziale propone alla Commissione Europea di avvicinare i costi energetici delle aziende italiane a quelle delle altre nazioni comunitarie, elevando il livello minimo di tassazione. In pratica non si chiede allo Stato italiano di tassare di meno, ma all'Europa di tassare di più. Inoltre, secondo Anita, occorre rivedere la previsione del gasolio professionale, anche se tale proposta sta incontrando notevoli difficoltà nell'Unione europea, ed è necessario eliminare o almeno ridurre i periodi di deroga per i paesi con più bassa tassazione ed in particolare per quelli nuovi entrati. Queste proposte, come rende noto lo stesso Arcese, sono state portate anche al ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli e al ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

Autore:

Tag: Attualità , carburanti


Top