dalla Home

Home » Argomenti » Multe e Ricorsi

pubblicato il 22 marzo 2011

A Roma 1 permesso disabili su 5 è abusivo

Crescono i controlli sui pass e si scoprono sempre più “furbi” e falsari

A Roma 1 permesso disabili su 5 è abusivo

Pass disabili scaduti, prestati, fotocopiati o addirittura falsi. Questo è quello che emerge da un'inchiesta pubblicata dal Corriere della Sera sui permessi per disabili nel centro storico di Roma. Nella capitale i contrassegni auto per handicappati sono infatti 60.000 e in zone "calde" della città come il cosiddetto Tridente la quantità di tagliandi apposti al parabrezza delle auto parcheggiate assume una densità a dir poco sospetta. Oltre ad apparire indiscriminatamente su Porsche, Ferrari e SUV vari, per i quali non esistono in effetti limitazioni particolari, i tagliandi gialli nella ZTL presentano a volte delle anomalie che sconfinano nella contraffazione palese.

UN 10% DI FURBI NEL 2010
Ogni permesso, che dà diritto all'accesso di 3 diverse vetture alla ZTL, deve sempre stare sull'auto che trasporta il disabile titolare (guidatore o passeggero). Nel caso in cui l'auto dovesse accedere alla ZTL in assenza della persona disabile, il guidatore dovrebbe addirittura avvertire telefonicamente la polizia municipale. A quanto pare invece il "fiorire" di permessi, soprattutto in Via del Babuino, deriverebbe da un malcostume ormai diffuso di sfruttare pass altrui, scaduti, intestati a persone decedute o falsificati, che nel 2010 sono arrivati al 10% del totale. Tutto questo va a discapito dei veri disabili e dei loro accompagnatori, che spesso trovano i parcheggi a loro riservati già occupati da chi non ne avrebbe il diritto.

ROMA E MILANO AUMENTANO I CONTROLLI
Secondo l'indagine il problema dei falsi permessi per disabili e del loro abuso sarebbe aggravato dai controlli non proprio capillari effettuati dalla polizia municipale, che in una nota del Campidoglio replica: "nei primi due mesi del 2011 sono stati controllati 400 permessi e 76 sono stati ritirati (quasi 1 su 5, ndr)". In tutto il 2010 i controlli sono stati 3.096 e hanno portato a 288 tagliandi ritirati e 7 sequestrati. Ancora più alto è il numero di contravvenzioni elevate nei parcheggi per disabili nei primi due mesi del 2011, a quota 664. Per arginare il fenomeno dei falsi e degli abusi il Comune di Milano ha invece avviato una campagna di controlli più severi che arriverà ad aggiungere al contrassegno un microchip contenente i dati sulla validità e sul titolare del contrassegno, arrivando fino al riconoscimento delle impronte digitali.

SI VA SUL PENALE
A tutti i "furbi" che pensano sia comodo e geniale l'utilizzo improprio dei pass disabili quando non ne avrebbero diritto ricordiamo che il loro comportamento può avere conseguenze gravi. Se nel caso migliore se la possono cavare con una semplice sanzione amministrativa (una multa) e il ritiro del pass, in altri casi rischiano di beccarsi una denuncia penale con citazione in giudizio davanti al Pubblico Ministero e l'accusa di truffa e falso. I suddetti furbi sono ancora convinti che un "parcheggio facile" valga il rischio di presentarsi in tribunale per patteggiare la pena o affrontare i vari gradi di giudizio?

Autore:

Tag: Attualità , roma , parcheggio , multe


Top