dalla Home

Attualità

pubblicato il 18 marzo 2011

Karl-Friedrich Stracke, nuovo CEO di Opel

L’uscente Reilly destinato a fare da supervisore per tutte le attività GM in Europa

Karl-Friedrich Stracke, nuovo CEO di Opel

Cambio della guardia al vertice di Opel dove Nick Reilly dal primo aprile lascia la carica di amministratore delegato a Karl-Friedrich Stracke, 55enne tedesco e veterano di General Motors con 32 anni di anzianità all'interno del costruttore di Detroit nel quale l'ultima responsabilità ricoperta è quella dell'industrializzazione del prodotto a livello mondiale. Stracke risponderà proprio a Reilly che, oltre ad entrare nel consiglio di sorveglianza di Opel, diventerà il campo delle operazioni di GM in Europa e avrà il ruolo di supervisore sulle attività locali di Chevrolet e Cadillac.

OBIETTIVO: RIPORTARE OPEL IN ATTIVO
Stracke ha compiti assai difficili da adempiere: riportare all'attivo Opel (unica divisione di GM in perdita nel 2010) dopo un rosso di 1,3 miliardi di euro e ridurre sia la capacità produttiva di un quinto sia tagliando 8mila dei 48mila dipendenti della casa di Russelsheim. Il target è perlomeno il ritorno al pareggio per il 2011 grazie anche alle capacità operative di Stracke liberando Reilly verso un ruolo più strategico.

CHI SOSTITUISCE STRACKE A DETROIT
Il posto di Stracke a Detroit sarà preso invece da John Calabrese, già executive director del global vehicle engineering e con numerose esperienze in altri ruoli chiave di GM. Il tedesco avrà anche altri due compiti. Il primo sarà anche quello dell'internazionalizzazione di Opel, destinata a uscire dal guscio europeo e a diventare marchio globale al pari di Chevrolet. Il secondo è l'implementazione della nuova piattaforma per le vetture di segmento B, ovvero la sostituta della Corsa, e di segmento A derivata da quella globale denominata M300 della Chevrolet Spark dalla quale saranno ricavate la nuova piccola premium e la sostituta dell'Agila dopo la fine dell'alleanza con Suzuki.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Attualità , Opel , dall'estero , lavoro


Top