dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 marzo 2011

Sisma in Giappone: Toyota ricomincia a produrre

Tornano attivi 7 impianti su 22. Priorità ai componenti auto

Sisma in Giappone: Toyota ricomincia a produrre

Toyota riparte. Dopo appena quattro giorni di stop imposto alle fabbriche di auto in Giappone per via del fortissimo sisma che ha messo in ginocchio il Paese, il Gruppo automobilistico ha rimesso in moto la produzione. La ripresa è tuttavia parziale, poiché da oggi si torna a lavoro in 7 stabilimenti giapponesi su 22. La priorità è stata data agli impianti che fabbricano componenti auto, in modo da poter fornire subito i pezzi di ricambio al mercato domestico. Tutti gli altri stabilimenti dovranno aspettare. Un portavoce del Gruppo nipponico, come si legge nelle agenzie, dice che non è ancora stato deciso quando riapriranno. Continua dunque ad essere fermo anche l'impianto di Miyagi, quello che, inaugurato quest'anno vicino all'impianto dell'azienda fornitrice Toyota Boshoku Cororation, è nato per produrre 120.000 Yaris all'anno.

E proprio l'aspetto dei componenti auto non è da sottovalutare. In Giappone infatti ne vengono prodotti in grandi quantità anche per fornire case estere. Ford ad esempio dipende dal Giappone per le batterie e altri componenti destinati alle bettarie per auto ibride. Di fronte alla tragedia del Paese del Sol Levante quindi, a cui è andata tutta la solidarietà anche del mondo dell'auto, i grandi costruttori come Ford stanno cercando di reagire trovando un'alternativa per non rallentare o addirittura bloccare la loro produzione.

Autore:

Tag: Mercato , Toyota , produzione , giappone


Top