dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 marzo 2011

Ford Fiesta con cambio PowerShift: si parte dagli USA

L’utilitaria globale ha il doppia frizione 6 marce a secco

Ford Fiesta con cambio PowerShift: si parte dagli USA
Galleria fotografica - Ford Fiesta per il NordamericaGalleria fotografica - Ford Fiesta per il Nordamerica
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 1
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 2
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 3
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 4
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 5
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 6

Il cambio a doppia frizione 6 rapporti Ford PowerShift debutta sulla Ford Fiesta americana, quella venduta negli USA dall'inizio del 2010. Dopo aver debuttato oltreoceano sulla nuova Focus, il cambio DCT a secco arriva quindi sulla piccola Fiesta, in un mercato come quello statunitense che vede prevalere l'automatico nel 95% delle vendite.

CONSUMI: -10%
La Casa dell'Ovale Blu lancia quindi il PowerShift per Focus e Fiesta puntando soprattutto sulla maggiore efficienza in confronto ai cambi automatici tradizionali. I consumi dichiarati si riducono infatti del 10%, grazie anche a un peso del gruppo trasmissione che scende di oltre 13 kg rispetto all'attuale automatico 4 marce di Focus. Con il prezzo della benzina che in alcune città degli Stati Uniti ha raggiunto l'equivalente di 0,75 euro/litro anche quello del consumo diventa quindi un argomento di vendita importante, anche presso una clientela che storicamente è poco sensibile al tema.

L'ASSISTENZA ALLE PARTENZE IN SALITA E' INTEGRATA
Il cambio Powershift per la Ford Fiesta, atteso entro breve anche in Europa, è stato sviluppato dalla squadra di ingegneri coordinati dal canadese Piero Aversa, che ottimizzato e calibrato la trasmissione per l'utilitaria globale. Fra le caratteristiche del nuovo cambio ci sono il Torque Hole Fill, un sistema che riduce le esitazioni della cambiata in fase di accelerazione e l'Hill Start Assist incluso nel PowerShift per agevolare le partenze in salita. altro elemento che contribuisce a contenere i consumi è il Natural Idle che elimina attriti e trascinamenti quando il motore è al minimo. A questo punto non resta che attendere il responso del mercato, prima al di là e poi al di qua dell'Atlantico.

Autore:

Tag: Mercato , Ford , auto americane , auto europee


Top