dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 marzo 2011

Fiat Freemont: obiettivo versatilità

Arriva nelle concessionarie italiane a fine maggio, inizialmente solo 2WD

Fiat Freemont: obiettivo versatilità
Galleria fotografica - Fiat FreemontGalleria fotografica - Fiat Freemont
  • Fiat Freemont - anteprima 1
  • Fiat Freemont - anteprima 2
  • Fiat Freemont - anteprima 3
  • Fiat Freemont - anteprima 4
  • Fiat Freemont - anteprima 5
  • Fiat Freemont - anteprima 6

La presentazione della Fiat Freemont all'ultimo Salone di Ginevra ha suscitato curiosità fra gli automobilisti italiani interessati al segmento dei multispazio, tanto da scalare la graduatoria delle novità più cliccate di OmniAuto.it. E questo nonostante l'auto esistesse già sotto forma di Dodge Journey. Evidentemente la notorietà del marchio nazionale, il restyling del modello e l'importante riposizionamento, hanno reso la Fiat Freemont un vettura interessante per il nostro mercato. E allora, per capire meglio il carattere e le ambizioni del crossover italoamericano, abbiamo posto alcune domande ad Antonella Bruno, responsabile Fiat Freemont per l'Europa. Occorre infatti ricordare che il nuovo crossover torinese punta a giocare un ruolo da protagonista in tutto il Vecchio Continente, andando a coprire quel vuoto provocato dall'uscita del Dodge Journey dai nostri mercati.

Innanzi tutto, da dove viene il nome Freemont e cosa significa?
Il nome Freemont richiama il senso di libertà, di piacere di vita all'aperto, di avventura e di possibilità di affrontare senza ansia qualsiasi situazione che si presenta nel vivere quotidiano. Il nome stesso e il termine "free" rimanda anche alla versatilità del prodotto, alla libertà di movimento che ti permette di andare con chi vuoi dove vuoi senza compromessi.

Fiat Freemont riprende il discorso iniziato dal precedente Dodge Journey, che ha avuto un discreto successo di vendite negli ultimi 2 anni. Come pensate di posizionarvi sul mercato?
Obiettivo principale del riposizionamento è quello di ampliare la rete distributiva, che nel caso di Dodge era più ridotta. Occorre renderla più capillare e proporre un prodotto che, pur basato su Dodge Journey, ha in sé non poche modifiche sia esterne che interne. Il paraurti anteriore è infatti diverso, ridisegnato dal Centro Stile Fiat, la griglia ha il logo della Casa torinese e il paraurti posteriore diverso, con linee più morbide e inedite luci LED. Rispetto al precedente Journey venduto in Europa sono completamente nuovi gli interni, la plancia, gli inserti cromati e la radio con display a colori touch-screen.

Su quali doti farete leva per il lancio commerciale di Freemont?
Innanzi tutto intendiamo porre l'attenzione della clientela sulla disponibilità standard dei 7 posti, con una terza fila di sedili accessibile grazie all'abbassamento della seconda fila. Oltre alla configurazione flessibile dei sedili sono poi presenti ben 20 vani portaoggetti, sparsi nell'abitacolo. In Italia la Freemont verrà pubblicizzata come l'auto da famiglia, versatile nell'utilizzo, mentre le 4 ruote motrici verranno evidenziate in un secondo momento, dopo la commercializzazione che avverrà a fine 2011.

Prerogative, dotazioni e prezzi di Fiat Freemont?
Per prima cosa vogliamo sottolineare la presenza dei motori diesel Multijet II da 140 e 170 CV, con trazione anteriore e cambio manuale 6 marce. Di pari importanza è poi l'handling di Fiat Freemont, ottimizzato per le strade europee tarando in maniera specifica le sospensioni. A fine anno arriverà il 4x4, mentre i prezzi del nuovo Fiat Freemont saranno definiti a fine marzo, inizio aprile, quando verranno aperti gli ordini. I prezzi punteranno ad offrire un posizionamento competitivo sul mercato, soprattutto in rapporto agli equipaggiamenti. Fra le dotazione di serie c'è infatti il climatizzatore trizona, i cerchi in lega da 17", i fendinebbia, il sistema keyless Entry & Go e il controllo pressione pneumatici.

QUOTA 20.000 ALL'ANNO IN ITALIA
L'obiettivo annuo di Fiat è di vendere 20.000 Freemont in Italia e altre 20.000 nel resto d'Europa, ben più ambizioso rispetto ai 3.572 Dodge Journey venduti nel nostro paese dal 2008 ad oggi. Fiat Freemont è quindi un prodotto importante per l'Italia, ma è anche un veicolo che guarda all'Europa proponendo due diesel Multijet, un V6 benzina americano e, soprattutto, la trazione anteriore seguita a fine anno dalla trazione integrale.

Galleria fotografica - Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011Galleria fotografica - Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 1
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 2
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 3
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 4
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 5
  • Fiat Freemont al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , Fiat , auto americane , auto italiane


Top