dalla Home

Tuning

pubblicato il 14 marzo 2011

Brabus 800 Widestar

Il V12 biturbo sotto il cofano della Classe G sviluppa 800 CV

Brabus 800 Widestar
Galleria fotografica - Brabus 800 WidestarGalleria fotografica - Brabus 800 Widestar
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 1
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 2
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 3
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 4
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 5
  • Brabus 800 Widestar - anteprima 6

La Mercedes Classe G55 AMG rappresenta un notevole esercizio tecnico, atto a far convivere i mondi contrapposti dell'off road e delle prestazioni stradali, rappresentati rispettivamente dal telaio a longheroni imbullonato alla scoca e dai 507 CV del poderoso V8 da 5,5 litri. Da questa base di partenza, il preparatore ufficiale della Stella a Tre Punte - dopo la divisione sportiva AMG, s'intende - adotta anche sulla Gelandenwagen la ricetta tipica delle sue elaborazioni. Sulla Brabus 800 Widestar la cilindrata del motore sale così a 6.300 cc e il frazionamento passa da 8 a 12 vilindri, sempre disposti a V. La presenza di due turbocompressori (uno per bancata) svolge poi la parte del leone nel raggiungimento dei dati di potenza e coppia massima: 800 CV e 1.100 Nm rispettivamente, con la centralina elettronica impegnata a limitare quest'ultimo valore, per evitare di "tritare" gli ingranaggi della trasmissione, dotata di tre differenziali bloccabili come ogni Classe G.

Le prestazioni raggiungibili da un powertrain degno di un'imbarcazione si riassumono nell'accelerazione 0-100 km/h, "risolta" in 4 secondi netti, e nella velocità di punta di 240 km/h. Per gestire la stazza della Brabus 800 Widestar sono state installate sospensioni ad aria completamente regolabili, mentre ai dischi freno anteriori da 380 mm e posteriori da 345 mm è affidato il gravoso compito di frenare la massa del veicolo, in collaborazione con gli pneumatici da 23 pollici. Sulla verniciatura integrale nera della carrozzeria spicca l'opaco dei dettagli infinitura di carbonio, così come la calandra a listelli caratterizza il frontale della G "vitaminiazzata", richiamando lo sviluppo orizzontale delle luci a LED alloggiate nel rinnovato paraurti. I terminali di scarico laterali "a fetta di salame" sono l'elemento distintivo della fiancata e la coda perde l'alloggiamento esterno della ruota di scorta, per un design più pulito. L'abitacolo si presenta con il nuovo volante - proveniente dalle berline stradali di Mercedes - e accoglie gli occupanti con le abbondanti imbottiture di sedili, pannelli porta e rivestimenti di pavimento e tunnel centrale, caratterizzate dalla trama quadrettata.

Autore:

Tag: Tuning , Mercedes-Benz , auto europee , tuning


Top