dalla Home

Attualità

pubblicato il 11 marzo 2011

22 città superano già il limite di PM10

Milano, Torino e Brescia le maglie nere della classifica di Legambiente

22 città superano già il limite di PM10

Se il 2010 in tema di PM10 è stato praticamente un disastro, anche i primi due mesi del 2011 non fanno sperare nulla di buono. Secondo gli ultimi i dati diffusi da Legambiente sono già 22 i capoluoghi italiani che hanno superato i 35 giorni di sforamento del livello di PM10 consentito per legge. A guidare la classifica delle città più inquinate dalle polveri sottili c'è Milano con 56 giorni di superamenti, seguita da Torino (54) e Brescia che, pur avendo perso il primato rispetto al 2010 "guadagna" il disonorevole podio con 51 giorni fuori dai limiti.

BRUTTA ARIA AL NORD
Lombardia, Piemonte e Veneto sono le regioni d'Italia più colpite, confermando il Nord come area del Paese dove l'aria è più irrespirabile. Le uniche città del centro e del sud presenti nella classifica delle 22 città in cui sono stati superati i limiti per le polveri sottili sono infatti Frosinone (48 giorni), Lucca, Pescara e Napoli (36). Le prime posizioni sono occupate da molte città dell'area padana: 8 addirittura nei primi 10 posti e 18 tra le 22 che hanno già sforato il limite di legge. Non sono da meno Lodi con 35 giorni, insieme a Modena, Pavia e Venezia (34) che si apprestano a superare la soglia consentita già nei prossimi giorni. Ma anche altri grandi città come Roma e Firenze, con 29 e 28 giorni di sforamento, stanno per raggiungere il limite consentito.

L'EDUCAZIONE VIAGGIA IN TRENO
I dati aggiornati sull'inquinamento atmosferico sono stati presentati questa mattina a Roma insieme all'edizione 2011 del Treno Verde dal Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo, dal direttore nazionale di Legambiente, Rossella Muroni, dall'ad delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti e dal direttore di Domestic Market Operations di Telecom Italia, Marco Patuano. Partendo oggi da Roma, il Treno Verde si dirigerà quindi a Siracusa, Reggio Calabria e Bari, risalendo poi la penisola attraverso Salerno, Pisa, Genova, Brescia, Vicenza e Rimini. Per ogni tappa, il Treno Verde analizzerà qualità dell'aria e livelli di rumore attraverso le rilevazioni condotte dal Laboratorio mobile dell'Istituto sperimentale di Rete Ferroviaria Italiana, mentre per il terzo anno verranno effettuati monitoraggi ulteriori sulla concentrazione delle polveri sottili anche in altre zone. Oltre al PM10, per ogni città visitata, saranno effettuate anche rilevazioni sulle concentrazioni in atmosfera di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono. Nelle varie tappe, durante le mattinate, il Treno Verde ospiterà le visite dei ragazzi delle scuole: la missione del percorso informativo a bordo del Treno Verde è quella di far conoscere il legame che esiste tra consumi, sprechi energetici, inquinamento e cambiamenti climatici. Il pomeriggio il Treno, invece, sarà aperto a tutti i visitatori. Il Treno Verde in sosta nelle stazioni sarà aperto dalle 8.30 alle 13.30 per le visite guidate delle scuole prenotate e dalle 16.00 alle 19.00 per tutti i cittadini.  L'ingresso è gratuito.

LE 22 CITTA' FUORILEGGE DEL 2011
Di seguito la Classifica delle città capoluogo di provincia in base ai superamenti del valore limite medio giornaliero del PM10 (limite di legge: 50 µg/m3 - sono consentiti 35 superamenti l'anno).

Milano - 56 giorni
Torino - 54
Brescia - 51
Monza - 51
Frosinone - 48
Lucca - 48
Asti - 47
Mantova - 45
Verona - 44
Alessandria - 43
Lecco - 41
Varese - 40
Vicenza - 40
Bergamo - 39
Biella - 39
Padova - 39
Treviso - 39
Cremona - 37
Novara - 37
Pescara - 36
Napoli - 36
Como - 36

Autore:

Tag: Attualità , inquinamento , milano


Top