dalla Home

Eventi

pubblicato il 9 marzo 2011

Riapre il Museo dell'Automobile di Torino

Dopo quattro anni rinasce il polo fondato da Carlo Biscaretti di Ruffia

Riapre il Museo dell'Automobile di Torino
Galleria fotografica - Il nuovo Museo dell'Automobile di TorinoGalleria fotografica - Il nuovo Museo dell'Automobile di Torino
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 1
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 2
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 3
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 4
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 5
  • Il nuovo Museo dell\'Automobile di Torino - anteprima 6

Dopo quattro anni di lavori riapre il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino che aveva chiuso i battenti per sottoporsi ad un profondo lavoro di ristrutturazione il 10 aprile 2007. Il polo torinese riaprirà le sue porte al pubblico il 19 marzo 2011, quando sarà il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a tagliare il nastro dei nuovi spazi di via Richelmy che avranno un'affluenza prevista di 250.000 persone all'anno.

LA STORIA DELL'AUTO IN 30 SPAZI
Con un investimento complessivo pari a 33 milioni di euro, di cui 22 milioni destinati alla ristrutturazione dell'edificio e 11 milioni agli allestimenti interni, gli spazi del Museo sono stati quasi raddoppiati, passando dagli 11.000 mq della struttura originale agli oltre 19.000 mq di quella attuale. La ristrutturazione architettonica esterna è stata affidata all'architetto Cino Zucchi, mentre gli spazi interni sono stati curati dallo scenografo franco-svizzero François Confino. All'esposizione museale si aggiungono inoltre uno spazio eventi, un centro congressi, un centro di documentazione oltre al centro didattico, bookshop, caffetteria e ristorante. Il nuovo allestimento prevede un nuovo percorso espositivo che si sviluppa su circa 3.600 mq al secondo piano, interamente dedicato al tema interamente dedicato al tema "L'Automobile e il Novecento", circa 3.800 mq al primo piano intitolato intitolato "L'uomo e l'automobile" e circa 1.200 mq al piano terra, per un totale di quasi 9.000 mq. Gli spazi sono suddivisi in 21 aree al secondo piano e 8 aree al primo piano, mentre al piano terra sono posizionati gli spazi destinati principalmente alle esposizioni temporanee e alle aree di accoglienza, separate dall'ultima area del museo, dedicata al tema del Design dell'automobile.

LA COLLEZIONE
Oggi il Museo torinese vanta una collezione che conta quasi 200 automobili originali di 80 diverse marche, dalle prime vetture a vapore del 1769 alle più recenti fino al 1996 in un percorso che si articola in sezioni dedicate ai momenti storici che hanno scandito la storia dell'automobile. Si parte dalla sezione "Genesi", in cui sono presenti la ricostruzione del carro semovente immaginato da Leonardo da Vinci nel 1478 e la ricostruzione del carro a vapore del francese Nicolas Cugnot, primo veicolo auto-mobile della storia del 1769. Significativa la presenza delle auto degli albori, come la Benz Victoria del 1893, la Peugeot Tipo 3 del 1892, prima auto acquistata in Italia, la Florentia del 1903 unico esemplare tuttora esistente di questa marca, l'Itala Pechino-Parigi del 1907, l'Isotta Fraschini 8 del 1920 e 8A (un modello fu acquistato persino da Rodolfo Valentino) del 1929, la Fiat Turbina del 1954, prototipo sperimentale con turbomotore a gas.

70 ANNI FA
Il Museo dell'Automobile nasce a Torino nel 1932 da un'idea di due pionieri del motorismo nazionale, Cesare Goria Gatti e Roberto Biscaretti di Ruffia e figura tra i più antichi Musei dell'Automobile del mondo. Fu Carlo Biscaretti di Ruffia (figlio di Roberto) a legare il proprio nome al Museo Nazionale dell'Automobile di Torino: fu lui ad idearlo, radunarne la collezione iniziale, battersi per farlo nascere e adoperarsi tutta la vita per dargli una sede dignitosa. Nel 1956 l'A.N.F.I.A. (Associazione Nazionale fra Industrie Automobilistiche ed Affini) e la Famiglia Agnelli, con il pieno assenso del Comune di Torino, decisero di promuovere la costruzione di una sede permanente in corso Unità d'Italia. Con rogito notarile del 22 febbraio 1957 fu costituito il Museo dell'Automobile di Torino. La sede storica fu progettata dall'Architetto Amedeo Albertini, sulla sponda sinistra del Po a poca distanza dal Lingotto. L'edificio, i cui lavori iniziarono nell'aprile del 1958 e si conclusero nell'autunno del 1960, rappresenta un raro esempio di architettura moderna. Il museo fu ufficialmente inaugurato il 3 novembre del 1960 ed intitolato alla memoria del suo primo Presidente, Carlo Biscaretti di Ruffia.

GIORNATE ED ORARI DI APERTURA
Dal 20 marzo 2011 il Museo sarà aperto il lunedì dalle 10 alle 14; il martedì dalle 14 alle 19; il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 10 alle 19; il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21. Il costo del biglietto è: intero 8 euro, ridotto 6 euro, scuole 2,50 euro.

Autore:

Tag: Eventi , auto storiche , mostre , torino


Top