dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 9 marzo 2011

25 Ore di Magione 2011: un podio tutto francese

La Peugeot 308 SW 1.6 HDI si aggiudica l'economy run umbro

25 Ore di Magione 2011: un podio tutto francese
Galleria fotografica - 25 Ore di Magione 2011Galleria fotografica - 25 Ore di Magione 2011
  • 25 Ore di Magione 2011 - anteprima 1
  • 25 Ore di Magione 2011 - anteprima 2
  • 25 Ore di Magione 2011	   - anteprima 3
  • 25 Ore di Magione 2011 - anteprima 4
  • 25 Ore di Magione 2011 - anteprima 5
  • 25 Ore di Magione 2011 - anteprima 6

Doppietta Peugeot e terzo gradino del podio per una "cugina" Citroen nella quinta edizione della 25 Ore di Magione - Energy Saving Race, appannaggio dell'equipaggio giornalistico ACI-Mondadori che ha partecipato con una Peugeot 308 1.6 HDI FAP SW ed una RCZ 2.0 HDI FAP. Il regolamento sportivo dell'economy run sul circuito umbro prevede 25 ore di gara in pista con 6 soste obbligatorie, con classifica finale stilata secondo un coefficiente calcolato sulla base del consumo effettivo, chilometri percorsi e parametri tecnici della vettura come potenza, massa e consumi dichiarati. La Peugeot vincitrice si è affermata con una media di 65,267 km/h, un consumo di 4,73 l/100 km, (il dato dichiarato nel ciclo misto è di 4,8 l/100 km) percorrendo 618 giri di pista per un totale di 1569,111 km (soste comprese). Nella classifica assoluta segue poi un'altra "doppietta", quella della formazione Salute & Guida di Jesi con due Citroen DS3 1.6 Diesel. Tra gli altri, al volante nel team dell'associazione medico-sportiva, il centauro Campione Italiano Superbike Alex Polita.

Un'altra testata giornalistica ha ben concluso la 25 Ore 2011 a metà della top ten, il team di Elaborare alla guida di un'altra Citroen DS3. Ancora la Casa francese, ma con il modello C4, ha occupato il sesto posto con la concessionaria Pascucci di Foligno. Settimo posto per la KIA Venga ufficiale del team di Linea Motori, seguito dalla piccola Smart Fortwo della Star Class Mercedes Service. Nona prestazione per la BMW 120 Diesel della Polizia di Stato, mentre a chiudere la top ten la Honda CR-Z ibrida della concessionaria perugina F.lli Palomba, miglior classificata fra le auto a benzina. Dietro a questi, l'Alfa Romeo Giulietta di Safi Autotipo, la Mini One della Tullio Pezzo di Mantova e il Fiat Scudo Panorama della ditta di autotrasporti Innovazione Srl. Quattordicesimo posto per la squadra "Le Karamelle", seguite in classifica dalla BMW 130i di AD Motor, dalla Alfa Romeo Giulietta di Safi Autotipo, dalla Fiat Abarth 500 del Santilli Team e dall'altro Fiat Scudo di Innovazione Srl.

Da segnalare la partecipazione della vettura completamente elettrica Citroen C-Zero, fornita da Citroen Italia al team della rivista specializzata EcoCar. Si è trattato del primo test in Europa per la vettura elettrica francese, in pista con la squadra giornalistica capitanata dalla direttrice Marina Terpolilli per la quale il risultato è stato ottimo "considerando che in questo tipo di gara in pista non si usa mai la frenata che permette invece di ricaricare la batteria dell'auto, nell'uso normale". Tre ore consecutive in pista per un totale di 150 chilometri percorsi, toccando punte di velocità massima di 75 km/h senza mai ricaricare la batteria sono il record segnato dalla C-Zero. Tra i vari numeri emersi, da notare il miglior consumo km/litro della smart fortwo 800 cc con 25,73 km/l a fronte dei 58,93 litri di carburante utilizzati in tutta la manifestazione (la Peugeot 308 SW 1.6 vincitrice si è attestata sui 21,16 km/l, consumando 74,16 litri). 

Autore:

Tag: Motorsport , auto elettrica , carburanti alternativi


Top