dalla Home

Tecnica

pubblicato il 7 marzo 2011

Alfa Romeo 4C, cosa c’è sotto la pelle

Loris Bicocchi, collaudatore della KTM X-Bow, ci spiega i segreti del futuro telaio 4C

Alfa Romeo 4C, cosa c’è sotto la pelle
Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C: gli interniGalleria fotografica - Alfa Romeo 4C: gli interni
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 1
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 2
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 3
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 4
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 5
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 6

L'Alfa Romeo 4C è una delle concept car più ammirate del Salone di Ginevra. Gli appassionati che visitano lo stand del Biscione si soffermano ad osservare il sinuoso corpo vettura del prototipo sia per apprezzarne lo stile che per capire quali potranno essere caratteristiche tecniche della versione di serie di questa coupé che dovrebbe arrivare sul mercato entro due anni. Ad oggi una delle poche certezze tecniche è data dal telaio, perchè la 4C, dovrebbe ereditare quello in fibra di carbonio progettato dall'ingegner Gianpaolo Dallara per la KTM X-Bow. Per capire meglio i vantaggi che un autotelaio in materiale composito può portare all'Alfa Romeo, OmniAuto.it ha parlato con chi questo telaio lo conosce molto bene, perchè l'ha collaudato in prima persona: Loris Bicocchi.

TELAIO E SOSPENSIONI: UN LEGAME "FORTE"
Innanzitutto abbiamo chiesto a Bicocchi di illustrarci le caratteristiche salienti della KTM X-Bow, che deliberò collaborando con Dallara, Audi (che fornì motore e cambio) e la Casa motociclistica. Vista la base telaistica comune, possiamo ragionevolmente pensare che il comportamento dinamico della 4C non si discosterà molto dalla sportivetta austriaca. "La monoscocca in fibra di carbonio della KTM X-Bow - esordisce il collaudatore - ha nella rigidezza il suo maggior pregio. In particolare, durante gli sforzi di torsione che il telaio sopporta quando l'auto è sollecitata in curva, una struttura così rigida permette alle sospensioni di lavorare al meglio, perchè le limitate deformazioni dei punti di attacco non modificano la cinematica dei braccetti definita a progetto. In questo modo, l'architettura a triangoli sovrapposti e lo schema push-rod degli elementi elastici della X-Bow guida la ruota nei moti di scuotimento dovuti al rollio in curva, garantendo la massima impronta a terra degli pneumatici e gestendo in modo ottimale gli angoli caratteristici dell'assetto (camber, incidenza e convergenza - ndr)". Le caratteristiche del telaio della KTM sono state sfruttate nei corsi per aspiranti collaudatori e nei track day che Loris Bicocchi offre attraverso la LB Academy, il cui parco vetture comprende anche le Lotus Exige. Curiosamente, anche l'agile "2 posti" inglese è accomunata all'Alfa 4C, sia per la filosofia progettuale incentrata sul rapporto peso/potenza sia per l'accessibilità problematica - come spiegato in precedenza - causata dal telaio "a vasca" (in alluminio per la Exige, in composito per la 4C e la X-Bow).

PIU' STRADA O PIU' PISTA
In attesa che Alfa Romeo confermi le linee guida che porteranno a definire per la 4C il punto d'incontro tra prestazioni, costi e volumi di vendita - l'architettura della X-Bow è adatta ad essere prodotta di poche centinaia di vetture all'anno, mentre i vertici Alfa potrebbero prevedere altri numeri per la loro coupé - abbiamo continuato a confrontarci con Loris Bicocchi sul temperamento della KTM, provando così a definire come potrebbe essere il comportamento della nuova sportiva Alfa. "La X-Bow è caratterizzata da una distribuzione dei pesi spostata verso il retrotreno - ci illustra Bicocchi - che rende molto agile la vettura e assicura a chi è al volante di poter sfruttare l'handling a proprio piacimento. La reattività nelle manovre di tiro-rilascio è molto elevata, mentre il passaggio dal sottosterzo al sovrasterzo nelle manovre al limite è progressivo". Se all'Alfa Romeo 4C sarà conferito un carattere più "stradale", tuttavia, è probabile che gli ingegneri dovranno adattare il telaio ideato da Dallara con modifiche geometriche (passo e carreggiate) e tecnologiche (utilizzo di moduli aggiuntivi in alluminio), che permettano di adattare un'architettura da barchetta estrema alle esigenze di una coupè molto sportiva, ma più indirizzata all'utilizzo stradale.

STERZO E MOTORE SARANNO I SUOI PUNTI DI FORZA?
Il collaudatore è poi passato ad illustrare le caratteristiche di sterzo e cambio dell'auto austriaca: "la cremagliera non servoassistita della KTM ha un rapporto di demoltiplicazione molto diretto, che nei bruschi cambi di direzione o nelle piccole correzioni tipiche della guida veloce non accusa ritardi agli input di sterzo che il pilota impone alla vettura. Un sottosistema su cui lavorammo molto fu il cambio (di derivazione Audi-Volkswagen - ndr), per cercare di eliminare delle elasticità presenti nei leveraggi che impedivano delle manovre di innesto prive di impuntamenti o contrasti. Nel contesto generale dato dall'impostazione della X-Bow, il cambio è forse quello che si accoppia meno bene, in termini di immediatezza, con il feedback restiutito dagli altri comandi (carico volante e risposta della pedaliera - ndr)". La trasmissione che Alfa Romeo potrebbe adottare sulla 4C è il cambio a doppia frizione TCT, che con un'opportuna taratura delle attuatori elettro-idraulici migliorerebbe la rapidità e la precisione degli innesti. Il motore 1.750 turbo del Costruttore di Arese, opportunamente calibrato, garantirebbe inoltre il surplus di potenza che lo chassis è in grado di gestire, arrivando a sviluppare una potenza di 300 CV che, secondo Loris Bicocchi, sarebbero tranquillamente scaricabili a terra dal progetto dell'ingegner Dallara. Alla Casa del Biscione spetterà infine la decisione di adottare una scatola di sterzo con o senza servoassistenza. L'assenza del servosterzo è una caratteristica comune della KTM X-Bow e della Lotus Exige. Vedremo se i tecnici italiani andranno controcorrente, riproponendo in chiave ancora più sportiva l'ottimo comando servoassisitito che fu della Alfa 156, 147 e 159.

L'ABITACOLO POTRA' INFLUENZARE L'HANDLING
A monte di tutte queste considerazioni c'è il problema della soglia d'accesso all'abitacolo, che verrà ricavata modificando la monoscocca di origine KTM. Come abbiamo notato a Ginevra, infatti, il prototipo dell'Alfa 4C ha le portiere incernierate all'esterno della "vasca" in carbonio. La X-Bow non presenta questa caratteristica, ma obbliga ad accedere all'abitacolo scavalcando il telaio. Non è da escludere, quindi, che gli ingengeri Alfa modificheranno i brancardi della monoscocca in composito della 4C, per agevolare l'accessibilità all'abitacolo - altrimenti problematica, come sulla Lotus Exige - sopperendo alla perdita di rigidezza torsionale grazie all'adozione del tetto rigido, assente sulla X-Bow. I costi di una tale modifica potrebbero però risultare eccessivi, mettendo in forse l'operazione di adattamento del telaio Dallara alle esigenze della coupé del Biscione.

Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 1
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 2
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 3
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 4
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 5
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - I primi ammiratori dell'Alfa 4CGalleria fotografica - I primi ammiratori dell'Alfa 4C
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 1
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 2
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 3
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 4
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 5
  • I primi ammiratori dell\'Alfa 4C - anteprima 6
Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C ConceptGalleria fotografica - Alfa Romeo 4C Concept
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 1
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 2
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 3
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 4
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 5
  • Alfa Romeo 4C Concept - anteprima 6

Scheda Versione

Alfa Romeo 4C
Nome
4C
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Tecnica , Alfa Romeo , ginevra , auto italiane , guida sportiva


Listino Alfa Romeo 4C

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.750 TBi Coupé posteriore benzina 240 1.7 2 € 65.500

LISTINO

 

Top