dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 3 marzo 2011

Alfa Romeo 4C: com'è l'abitacolo

Sulla prossima coupé del Biscione il pilota sarà protagonista

Alfa Romeo 4C: com'è l'abitacolo
Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C: gli interniGalleria fotografica - Alfa Romeo 4C: gli interni
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 1
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 2
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 3
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 4
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 5
  • Alfa Romeo 4C: gli interni - anteprima 6

A Ginevra l'Alfa Romeo 4C ha riscosso consensi unanimi perché i geni del marchio ci sono tutti. A partire dal gradito ritorno della trazione posteriore per finire alle forme ispirate dalla 8C Competizione, che a distanza di un quinquennio è ancora l'Alfa più ammirata dell'era moderna. Insieme alla promessa che la 4C diventerà una vettura di serie nel 2012 - come ha sottolineato Harald Wester - ce n'è però un'altra: la "specialità" dell'Alfa 4C saranno percorsi misti e pista. L'Alfa 4C sarà dunque una vettura da godersi da soli o al massimo in due, letteralmente "avvolti" dall'abitacolo.

SPORTIVAMENTE ALFA
Difficilmente quello di serie somiglierà a quello della 4C Concept vista a Ginevra, però sbirciando dentro l'abitacolo della coupé italiana al Salone di Ginevra abbiamo potuto scorgere alcuni degli elementi che il cockpit della futura 4C "stradale" dovrebbe mantenere: sicuramente ci sarà il volante dalla corona appiattita col "mirino" sulla parte superiore, probabilmente ci saranno i due pedali incernierati sul pavimento, tanto il cambio sarà il nuovo doppia frizione TCT, e la strumentazione concentrata su un unico quadrante circolare. Il prossimo abitacolo insomma, lo conferma anche la presentazione ufficiale della vettura, avrà "dotazioni e dispositivi più direttamente correlati all'impiego sportivo della vettura".

CHASSIS EMILIANO
Elementi inediti nel design Alfa sono invece la consolle "sospesa" e sottile alla MP4-12C, con tre quadranti/comandi, ma soprattutto la grande profusione di fibra di carbonio impiegato non come materiale di rivestimento, bensì come materia che "affiorerà" dal telaio realizzato con la consulenza di Dallara. L'engineering di Varano de' Melegari per la nuova Alfa sta infatti lavorando ad uno chassis in qualche modo ispirato da quello della KTM X-Bow, una "vasca" di carbonio che costituisce la cellula principale con un telaio secondario al posteriore che ingabbia le sospensioni e il motore 1750 turbo benzina. Come sulla KTM ci sarà un ingombrante tunnel a separare di netto i due occupanti che non ospita la trasmissione ma è un elemento strutturale. L'accesso alla 4C sarà comunque molto più semplice rispetto alla roadster austriaca, sulla quale, visto che non ci sono sportelli, si "salta" dentro come su monoposto o prototipi da corsa. L'Alfa 4C invece gli sportelli ce li ha, anche se considerate le dimensioni (poco meno di 4 metri) e la particolare architettura del telaio richiederà qualche contorsione in "stile" Lotus Elise/Exige.

Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011Galleria fotografica - Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 1
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 2
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 3
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 4
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 5
  • Alfa Romeo 4C al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 6

Scheda Versione

Alfa Romeo 4C
Nome
4C
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Alfa Romeo , ginevra


Listino Alfa Romeo 4C

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.750 TBi Coupé posteriore benzina 240 1.7 2 € 65.500

LISTINO

 

Top