dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 1 marzo 2011

Rolls-Royce 102EX

Prove di Phantom elettrica a Ginevra, con 640 kg di batterie

Rolls-Royce 102EX
Galleria fotografica - Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011Galleria fotografica - Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 1
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 2
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 3
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 4
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 5
  • Rolls-Royce 102EX al Salone di Ginevra 2011 - anteprima 6

Anche Rolls-Royce, regina delle auto di lusso, si adatta all'idea della vettura elettrica e presenta al Salone di Ginevra (3-13 marzo 2011) la 102EX, anticipazione di un'eventuale Phantom a batteria. Tradizione e irrinunciabile attenzione ai temi ambientali convivono nella Rolls-Royce 120EX, nota internamente anche come Phantom EE (Experimental Electric). Questo laboratorio su ruote serve a testare la fattibilità di una berlina di rappresentanza che soddisfi le esigenze della clientela Rolls pur rinunciando ai potenti motori a benzina. Al momento non ne è prevista la produzione in serie, ma la Casa inglese è curiosa di conoscere l'opinione del pubblico al riguardo.

394 CV ELETTRICI
Il non facile compito di elettrizzare la Phantom passa anche attraverso all'ottenimento di un'autonomia adeguata anche nelle condizioni climatiche estreme o sui percorsi più difficili, visto che gli utilizzatori delle Rolls-Royce sono molto diffusi anche in Asia e nel Medio Oriente. La Phantom EE è una concept marciante e al posto del V12 di 6,75 litri utilizza due motori elettrici da 145 kW l'uno (197 CV) che messi assieme offrono una potenza di 290 kW (394 CV) e una coppia massima di 800 Nm. Questo gruppo propulsore, alimentato da una batteria litio-nichel-cobalto-manganese-ossido da 230 Wh/kg dovrebbero permettere un'autonomia di 200 km, oltre a una velocità massima di 160 km/h (limitata) e uno scatto 0-100 km/h in meno di 8 secondi. Il tempo di ricarica passa dalle 20 ore collegandosi ad una normale presa domestica alle 8 ore da un impianto trifase. I tecnici inglesi stanno anche sperimentando sulla Rolls-Royce 102EX un sistema di ricarica elettrica ad induzione, attraverso apposite piastre che ricevono la corrente da trasmettitori al suolo, senza contatto fisico.

LA SPIRIT OF ECSTASY SI ILLUMINA DI BLU
Questa che viene definita la prima applicazione dell'elettrico su una vettura della categoria "super lusso" è anche il primo esempio di utilizzo di un pacco batterie di così grandi dimensioni e peso (640 kg). Per dare un ulteriore tocco di esclusività alla Rolls-Royce si è deciso di utilizzare una speciale verniciatura composta da nanoparticelle ceramiche, mille volte più fini delle normali pagliuzze del metallizzato. Il colore Atlantic Crome steso in 6 strati fa il paio con la storica mascotte "Spirit of Ecstasy", realizzata in Makrolon traslucido e illuminata internamente di luce blu. Le stesse tonalità di colore sono utilizzate nell'abitacolo, dove la strumentazione è stata modificata per fornire informazioni sullo stato di funzionamento del sistema elettrico. Riserva di potenza, di carica e indicatore di ricarica hanno sostituito il contagiri. La presa elettrica di ricarica prende il posto del tappo serbatoio e passa dalla colorazione blu durante la carica a verde quando la batteria è "piena". Per aggiungere ecocompatibilità a tutto il progetto sono state utilizzate tappezzerie in pelle conciata con sistema vegetale Corinova.

Galleria fotografica - Rolls-Royce 102EXGalleria fotografica - Rolls-Royce 102EX
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 1
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 2
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 3
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 4
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 5
  • Rolls-Royce 102EX - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Rolls-Royce , ginevra , auto elettrica


Top