dalla Home

Novità

pubblicato il 1 marzo 2011

Konigsegg Agera R

La svedese esagera e con 1.115 CV sfida le supercar più estreme

Konigsegg Agera R
Galleria fotografica - Konigsegg Agera RGalleria fotografica - Konigsegg Agera R
  • Konigsegg Agera R - anteprima 1
  • Konigsegg Agera R - anteprima 2
  • Konigsegg Agera R - anteprima 3
  • Konigsegg Agera R - anteprima 4
  • Konigsegg Agera R - anteprima 5
  • Konigsegg Agera R - anteprima 6

A un anno dal debutto la Konigsegg Agera guadagna il suffisso R per presentarsi al Salone di Ginevra (3-13 marzo 2011) in versione ancora più "cattiva". La Konigsegg Agera R sfrutta lo stesso motore V8 biturbo di 5 litri per ottenere una potenza massima di 1.115 CV e una coppia di 1.200 Nm. Questi impressionanti valori, vicini a quelli della Bugatti Veyron Super Sport, vengono ottenuti solo con l'utilizzo miscela di bioetanolo E85, mentre riempiendo il serbatoio di semplice benzina a 95 ottani la potenza e la coppia scendono a 940 CV e 1.100 Nm.

LIMITATA 375 KM/H
Per la Agera R Konigsegg annuncia una velocità teorica di 440 km/h sulla base del Cx di 0,33 ed è facile immaginare che il tempo di accelerazione 0-100 km/h possa scendere anche sotto i 3 secondi. Tutte le Agera sono limitate elettronicamente a 375 km/h di velocità massima, ma in caso di necessità è possibile richiedere per brevi periodi la soppressione del limite. Per poter affrontare una sfida così estrema la Casa svedese si è appoggiata a Michelin per lo sviluppo di uno speciale pneumatico adatto a velocità fino a 420 km/h. Un'altra particolarità della Agera R è il livello di consumo ed emissioni allo scarico (14,7 l/100 km e 310 g/km di CO2), che a detta del costruttore scandinavo non ha paragoni nel segmento delle supercar.

AUTOMATICO 7 MARCE
Del tutto nuovo è il cambio automatico sequenziale 7 marce sviluppato da Konigsegg con l'italiana Cima. La trasmissione sfrutta una doppia frizione (una a secco e l'altra a bagno d'olio) che riduce i tempi di cambiata. Rispetto ad un DCT tradizionale questo cambio è più compatto e leggero (81 kg) e gli attuatori elettroidraulici agiscono direttamente sugli ingranaggi. Anche il differenziale E-diff a slittamento limitato è di nuova concezione, basandosi principalmente sulla parte meccanica e poi sull'elettronica di gestione. Il peso a vuoto di 1.330 kg è frenato da un impianto composto da dischi carboceramici da 392x36 mm all'anteriore e 380x34 mm. I cerchi VGR sono studiati nella loro forma a turbina per aumentare il raffreddamento dei freni, mentre l'aspetto aerodinamico è stato studiato per avere la massima deportanza.

PORTAPACCCHI DA 300 KM/H
L'interno è un trionfo di alluminio, fibra di carbonio, alcantara e pelle, con speciali luci LED che illuminano i comandi in metallo attraverso micro-fori. Il bagagliaio da 120 litri è coadiuvato a richiesta dal Lightning Roof Box System, un portapacchi aerodinamico sviluppato con Thule che viene garantito per velocità fino a 300 km/h. In pratica il tettuccio asportabile del sistema targa vine sostituito da un altro elemento che incorpora il portapacchi e che viene fissato ai montanti della vettura. Al Salone verrà svelato anche il prezzo, di certo non lontano a quello delle rivali dirette che si chiamano Pagani Huayra e Bugatti Veyron.

Autore:

Tag: Novità , Koenigsegg , auto europee , ginevra


Top