dalla Home

Attualità

pubblicato il 3 aprile 2006

Bmw investe nella formazione con il nuovo training center

Bmw investe nella formazione con il nuovo training center

In una recente inchiesta televesiva condotta dal sottoscritto, per conto del magazine Ruote in Pista TV, solo il 12% degli automobilisti ha saputo spiegare correttamente in video la differenza tra la sicurezza attiva e quella passiva, in relazione alla propria automobile. Mentre la maggior parte di essi ha rivelato di essere impreparati in materia, e di ignorare la presenza sulla propria vettura di alcuni supporti tecnici atti a migliorarne la guidabilità, o i vantaggi derivanti dalla scelta oculata di materiali che compongono la scocca o altre parti del veicolo deputate a contenere i danni alle persone in caso d'urto.

Segno evidente che l'informazione che accompagna e che precede la vita commerciale dei veicoli prima del loro acquisto, non arriva a destinazione in modo corretto e soddisfacente. Nonostante l'impegno dei Costruttori ed il coinvolgimento delle agenzie di pubblicità e degli uffici stampa deputati a tale compito. E' pur vero che sul libretto di manutenzione che accompagna ogni singola vettura tutto ciò è scritto nel dettaglio, ma è altrettanto vero che la pigrizia e una certa dose di negligenza non garantiscono un approccio responsabile e corretto dell'utente con il mezzo.

Da qui l'orientamento strategico da parte di alcune grandi Marche finalizzato a destinare risorse per la formazione delle persone coinvolte nella rete commerciale sia a livello di assistenza tecnica, sia di assistenza alla vendita. Tra queste BMW Group Italia, che a San Donato ha inaugurato proprio in questi giorni il nuovo Training Centre. Una struttura architettonicamente moderna di oltre 3000 metri quadri presso la quale si avvicenderanno 6000 allievi l'anno sfruttando 14 aule ciascuna delle quali capace di accogliere 190 persone a sedere. Sei dedicate alle auto, sei alle moto, tutte attrezzate con strumenti diagnostici e di supporto didattico e due al personale preposto alle vendite e all'assistenza clienti. I corsi sono curati da esperti interni e da consulenti esterni, a seconda delle materie. Nella precedente struttura, solo nel 2005, sono state organizzate 442 sessioni di formazione, 75 di carattere tecnico, 130 commerciale, 54 riguardanti le moto e 163 l'After Sales, con il coinvolgimento di 6.776 persone per un totale di 13.452 giornate/uomo, elevabili a 15.000 nel 2006, fino ad arrivare a 18.000 negli anni sucessivi.

Nel corso dell'inaugurazione che si è svolta alla presenza delle autorità locali, provinciali e regionali, Marco Saltalamacchia, presidente della BMW Group Italia, ha dichiarato: " Nel mercato premium, sempre più competitivo, siamo convinti che il ruolo di un'azienda leader all'avanguardia come la nostra, sia anche quello di curare con attenzione e preparazione tutte le fasi del processo di servizio al cliente".
Significativa e complementare anche la precisazione rilasciata da Ernst Baumann, membro del board e responsabile Risorse Umane BMW Group " L'attività di un'azienda è portata avanti dalle persone in gamba, preparate. Un'azienda può avere successo solo con collaboratori bravi e motivati".

Autore: Claudio Casaroli

Tag: Attualità , Bmw


Top