dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 19 febbraio 2011

Una donna su due guida con i tacchi alti

E' rischioso, ma la legge non lo vieta. E voi fate attenzione a cosa indossate per guidare?

Una donna su due guida con i tacchi alti

In Italia una donna su due guida con i tacchi alti. Una pratica che mette a rischio la sicurezza stradale, ma che non è proibita - e quindi nemmeno "punita" - dal Codice della strada. Calzare infatti una scarpa "inadatta" durante la guida aumenta il rischio di incidente, perché può compromettere la buona riuscita di certe manovre improvvise che sono necessarie ad evitare un tamponamento. E' facile che il tacco si incastri tra i pedali, che l'infradito scivoli o che la suola troppo liscia faccia perdere l'aderenza sui pedali. Un dettaglio da non sottovalutare e che non riguarda quindi solo le donne, ma anche gli uomini, che devono sempre prestare attenzione. Sebbene infatti il Codice della strada non vieti espressamente di indossare certe tipologie di scarpe, è possibile essere multati (in certi casi) o addirittura subire delle rivalse da parte della compagnia assicurativa in caso di incidente. Vediamo perché.

LA NORMA NON C'E', MA IL VIGILE IN ALCUNI CASI PUO' MULTARE
Nel nuovo Codice della strada non c'è nemmeno una norma che vieti espressamente di guidare con certe calzature, come ad esempio le infradito, le scarpe con il tacco, le ciabatte o persino a piedi nudi. Tuttavia due articoli del nuovo Codice dicono testualmente: "In tutti i veicoli il conducente deve avere la più ampia libertà di movimento per effettuare le manovre necessarie per la guida" (Art. 169 comma 1); "Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la circolazione stradale" (Art. 140 comma 1). Questo significa che un vigile può multare chi guida con un certo tipo di scarpe, ma che deve dimostrare nel verbale che queste costituiscono un rischio per la sicurezza. Pertanto deve descrivere la situazione: il tacco era fastidioso, etc. Se non lo dimostra, niente multa.

SI PUO' FARE RISCORSO, MA A VOLTE E' L'ASSICURAZIONE A BUSSARE ALLA PORTA
Se si subisce una multa per aver guidato indossando un certo tipo di scarpe, ma si è convinti di essere nel giusto e di non aver messo a rischio la sicurezza di nessuno, si può ovviamente fare ricorso. A quel punto il vigile o il poliziotto dovrà dimostrare al giudice le sue ragioni. Ma attenzione, il passato insegna che è meglio essere giudisiosi prima di entrare in sede legale. Cassazione Penale, sez. IV, 24 maggio 1978, n. 6401, così riportava: "Lo slittamento del piede dal pedale del freno non costituisce caso fortuito, ma imperizia del conducente e quindi trattasi di condotta sicuramente colposa". E poi c'è il capitolo "Assicurazione". Se c'è stato un incidente e il guidatore indossava scarpe poco "consone" alla guida, la compagnia può rivalersi sull'automobilista, se dimostra che la causa dell'incidente è (anche) il tacco o l'infradito.

IN ITALIA IL 49% DELLE DONNE NON RINUNCIA AI TACCHI, NEANCHE SE GUIDA
Del tipo di calzatura che gli uomini italiani scelgono per guidare non parla al momento alcuna ricerca, ma un sondaggio commissionato a Nextplora dal Centro Studi e Documentazione Direct Line conferma che in Italia il 49% delle donne non rinuncia al tacco alto o medio durante la guida e che il 24% dice di non avere nessun problema a guidare con qualsiasi tipo di scarpe. Le più "affezionate" ai tacchi alti sono le bresciane (18%), seguite dalle romane e dalle cagliaritane (13%) e poi dalle palermitane (10%). Chiudono la classifica le milanesi: solo il 5% si mette al volante con un tacco alto. Non rinunciano mai al desiderio di assecondare i canoni estetici con un tacco di almeno 10 cm anche al volante le donne fra i 25 e i 34 anni (18%), mentre le automobiliste fra i 35 e 44 anni (16%) usano il tacco, ma lo scelgono di media altezza. Le donne al volante più prudenti sono le over 35, che per il 37% dei casi usano per guidare scarpe basse e comode. Le più sportive sono le ragazze nella fascia di età tra 18 e 24 anni: ben il 36% guida con le sneakers. Optano più spesso invece per il cambio di scarpe in auto le ragazze sotto i 24 anni (32%), giovani donne che non vogliono farsi trovare impreparate ad ogni occasione.

122 voti Sondaggio

Fate attenzione a quali scarpe indossate per guidare?

No

  
21%

  
74%

Da ora in poi sì

  
4%

 

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale


Top