dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 31 marzo 2006

Saab BioPower Hybrid Concept

Saab BioPower Hybrid Concept
Galleria fotografica - Saab BioPower Hybrid ConceptGalleria fotografica - Saab BioPower Hybrid Concept
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 1
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 2
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 3
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 4
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 5
  • Saab BioPower Hybrid Concept - anteprima 6

Questa volta Saab ha fatto l'amplein di tecnologia pulita! Al Salone dell'Automobile di Stoccolma, che si è aperto il 30 marzo, la Casa svedese ha presentato BioPower Hybrid Concept, un prototipo basato sulla Saab 9-3 che abbina l'alimentazione a bioetanolo alla propulsione elettrica. Inoltre, l'etanolo impiegato è di tipo E100, cioè non miscelato con la tradizionale benzina, e rende questa 9-3 la prima auto ibrida del mondo che non utilizza neanche in minima parte carburanti di origine fossile. Il tutto, decappottabile!

Il motore a bioetanolo è il potente 2.0 Turbo in grado di erogare 260 cavalli. Quello elettrico, montato posteriormente, è invece composto da un motore da 38 kW, da un generatore con starter integrato da 15 kW e da un sistema di trazione integrale permanente con trasmissione elettrica alle ruote posteriori. Le batterie da 300 Volt sfruttano le tecnologia agli ioni di litio, non hanno bisogno di manutenzione e sono alloggiate sotto il piano di carico del bagagliaio così da non limitarne la capacità.

Le prestazioni complessive dell'auto sono da vera sportiva. Con cambio automatico, questa 9-3 raggiunge i 100 km/h con partenza di fermo in meno di 7 secondi, ma il valore ancora più interessante è quello di ripresa: da 80 a 120 km/h.in 5,5 secondi. Il merito è in entrambi i casi della propulsione elettrica che sviluppa la sua coppia motrice massima, anche se per per un breve periodo, tutta insieme e nell'istante in cui si schiaccia il pedale dell'acceleratore. Basta un numero per rendere meglio l'idea: 666. Sono i Nm di coppia aggiuntiva (ai 375 Nm del 2.0 Turbo) che la propulsione elettrica posteriore è in grado di fornire alle basse velocità.

Ma veniamo alle peculiarità ecologiche di questo concept. E' evidente che i due sistemi propulsivi lavorano sinergicamente e che una sofistica gestione elettronica consente di ottimizzare il funzionamento e il risparmio energetico di entrambi, a seconda delle condizioni di guida. Al miglioramento delle prestazioni non consegue per esempio un aumento dei consumi poiché la coppia e la potenza di breve periodo sono forniti dal motore elettrico. Quando ci si muove nel traffico cittadino sotto i 50 km/h, il guidatore puo' invece attivare la funzione "Zero Mode" che spegne il motore a combustione interna e permette, con un autonomia di 10-20 km, di viaggiare esclusivamente "ad elettrico". Naturalmente quando si richiede una velocità superiore ai 50 km/h o si sta esaurendo le batteria, il sistema provvede a riaccendere il motore a combustione interna. Le batterie si ricaricano da sole durante le frenata del veicolo grazie allo stesso motore elettrico che recupera l'energia cinetica trasformandola in elettricità.
Ulteriore vantaggio che permette di risparmiare carburante (dal 5 al 7% secondo Saab) è dato dalla funziona automatica "stop/start", che spegne il motore quando si arresta temporaneamente il veicolo, riavviandolo automaticamente non appena si solleva il piede dal pedale del freno.

Il beneficio complessivo, in tema di risparmio di carburante, può essere riassunto con l'autonomia dichiarata in ciclo combinato dalla Casa svedese: 800 chilometri impiegando un serbatoio da 62 litri. E poi si viaggia con un carburante non derivato dal petrolio...

Autore: Alessandro Lago

Tag: Prototipi e Concept , Saab , bioetanolo


Top