dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 9 febbraio 2011

Nissan Esflow

Due posti, trazione posteriore e zero emissioni. Debutta a Ginevra

Nissan Esflow
Galleria fotografica - Nissan EsflowGalleria fotografica - Nissan Esflow
  • Nissan Esflow - anteprima 1
  • Nissan Esflow - anteprima 2
  • Nissan Esflow - anteprima 3
  • Nissan Esflow - anteprima 4
  • Nissan Esflow - anteprima 5
  • Nissan Esflow - anteprima 6

Coniugate le caratteristiche sportive di una Nissan GT-R o di una 370Z con la vocazione ambientalista e familiare di una Nissan Leaf ed avrete la Nissan Esflow, l'ultimo esercizio di stile che il costruttore giapponese porta al Salone di Ginevra per parlare di futuro. L'estetica di questo concept è infatti di grande impatto, con un parabrezza avvolgente ed un design affilato, ma grazie ai suoi due motori elettrici che alimentano individualmente le ruote posteriori, non emette un solo grammo di CO2. La Esflow è infatti un EV (Electric Vehicle) che prefigura le auto sportive del futuro: tempo di scatto da 0 a 100 km/h in meno di 5 secondi ed oltre 240 km con una sola carica.

UNA LINEA SCOLPITA NEL GHIACCIO
La Nissan Esflow rivela la sua vocazione naturalista fin dal suo aspetto. Le linee esterne si ispirano ai ghiacciai e i colori, anche dei fari, richiamano l'azzurro delle acque pulite. I cerchi a sei razze contengono inserti in carbonio azzurri e lo stesso materiale adorna i sottoporta, il piccolo spoiler sul tetto e la fascia inferiore del paraurti di coda. I LED azzurrini accentuano il taglio futuristico delle luci, ma i fari anteriori celano un segreto: i punti di ricarica a scomparsa incassati nelle prese d'aria sottostanti. Anche i retrovisori sono stati resi particolari, perché sostituiti con microcamere per la visione posteriore alla base dei montanti A.

INTERNI ECOLOGICI E RIFINITI
Con la Esflow Nissan vuole dimostrare che "ecologico" non significa necessariamente "ambiente spartano". Al contrario. Gli interni del suo ultimo concept sono lineari e spaziosi, concepiti all'insegna del risparmio di peso, ma anche raffinati grazie a materiali pregiati come la pelle e il camoscio, rigorosamente blu come il colore degli esterni. Il motivo azzurro e oro - che simboleggia le scintille - viene ripreso anche nei dettagli di bordo e di certo non mancano i numerosi meccanismi motorizzati, indispensabili a fare della Esflow un "trionfo di tecnologia". Ci sono quindi sterzo e pedaliera che si regolano elettricamente nella posizione più comoda per il guidatore e quattro display LCD multifunzione che rendono tutto a portata di click.

DUE MOTORI, ZERO EMISSIONI
La trazione posteriore della Nissan Esflow funziona con due motori alimentati da batterie laminate agli ioni di litio uguali a quelle di Nissan Leaf che promettono una autonomia di oltre 240 km con una sola carica. I motori controllano in modo indipendente le ruote di sinistra e di destra, ottimizzando la distribuzione della coppia la cui erogazione, doce Nissan, è quasi immediata. L'auto raggiunge quindi - sulla carta - i 100 km/h in meno di 5 secondi.

L'AUTOMOBILISTA "TIPO"
Nissan prevede così chiaramente il suo futuro che è già in grado di descrivere il guidatore della Esflow. Si chiama Daniel e di professione fa il tecnico. La sua vita privata si concentra nel week-end e così il venerdì sera, dopo il lavoro, si mette al volante della sua Esflow e collega immediatamente il palmare per determinare il tragitto più breve che lo porterà a casa della sua ragazza. Il sabato fa il deejay in un locale alla moda e la Domenica va spesso in montagna, dove trova le strade giuste per ricaricare in discesa la sua sportiva elettrica.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Nissan , auto giapponesi , ginevra , car design


Top