dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 9 febbraio 2011

Dramma Rca: il caso Vicenza

Le polizze false? Non solo al Sud Italia

Dramma Rca: il caso Vicenza

Tre milioni di auto su un parco totale di 45 milioni circolano senza la copertura assicurativa obbligatoria, macchine che si concentrano soprattutto al Sud, con zone come Napoli ad altissimo rischio. Ma emergono sempre più spesso realtà drammatiche anche al Nord Italia, come racconta ilgiornaledivicenza.it. Solo a gennaio 2011, i Vigili hanno fermato 14 veicoli senza polizza oppure con il tagliando contraffatto, lungo le strade di Arzignano, Chiampo, Gambellara, Montebello, Montorso, in provincia di Vicenza. Nell'intero nel 2010, 116 sanzioni per assicurazioni mancanti o false. L'assessore alla Sicurezza Enrico Marcigaglia racconta che sono soprattutto i veicoli condotti da stranieri ad avere altissime percentuali di irregolarità. Probabilmente, quelli con le classi di merito più costose: per saperne di più vedi la Guida alle Assicurazioni di OmniAuto.it.

FALSARI DIABOLICI
Chi falsifica le polizze acquisisce con un scanner una ricevuta assicurativa valida, la modifica con un programma di fotoritocco al computer, inserisce data di scadenza e numero di targa nuovi, ed ecco il tagliando e il certificato pronti per essere venduti al mercato nero: siamo sui 50-100 euro l'anno. Contro un esborso di almeno cinque volte tanto per assicurare davvero il veicolo. In caso di controllo delle Forze dell'ordine, chi ha la polizza falsa spera di farla franca: magari l'agente di Polizia non se ne accorge. Ma se si verifica un incidente, chi viene coinvolto senza colpa nel sinistro dovrà rivolgersi al Fondo vittime della strada per ottenere il rimborso.

RISCHIO PIRATI
L'altro fattore di rischio è che l'automobilista sprovvisto di Rca, dopo un incidente scappi dal luogo del sinistro, senza prestare soccorso all'altro guidatore: un potenziale pirata della strada.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top