dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 febbraio 2011

4 milioni di motori Fiat 1.3 16v MultiJet

Il piccolo turbodiesel italiano festeggia su una 500

4 milioni di motori Fiat 1.3 16v MultiJet
Galleria fotografica - Motore Fiat 1.3 16v MultiJet numero 4 milioniGalleria fotografica - Motore Fiat 1.3 16v MultiJet numero 4 milioni
  • Motore Fiat 1.3 16v MultiJet numero 4 milioni - anteprima 1
  • Motore Fiat 1.3 16v MultiJet numero 4 milioni - anteprima 2

Una bianca Fiat 500 è appena uscita dallo stabilimento polacco di Bielsko Biala dotata del motore 1.3 16v MultiJet numero 4.000.000. Il cliente francese cui è destinata l'utilitaria italo-polacca avrà quindi in garage un piccolo pezzo di storia del Gruppo Fiat, visto che con il suo propulsore la Casa torinese festeggia il traguardo dei quattro milioni di unità prodotte a partire dal 2003, anno in cui il piccolo turbodiesel common rail ha debuttato sulla Fiat Punto restyling.

IL DIESEL PER LE PICCOLE
Negli anni il più piccolo dei MultiJet, noto nella sua ultima evoluzione come MultiJet II, ha avuto il tempo di finire sotto i cofani delle più importanti vetture del gruppo, almeno dal punto di vista dei numeri di mercato. Nelle versioni da 75 CV (turbocompressore a geometria fissa), 85 e 95 CV (geometria variabile) ha di volta in volta motorizzato Fiat Panda, 500, Idea, Grande Punto, Punto Evo, Doblò, Qubo-Fiorino, Palio-Albea, Strada e Linea, ma anche Lancia Ypsilon, Musa e Alfa Romeo MiTo. In questo ambito produttivo si piazza anche il riconoscimento di Engine of the Year 2005, attribuito al 1.3 MultiJet 16v nella categoria 1.0-1.4 litri.

NON SOLO FIAT
Occorre poi ricordare che lo stabilimento di Bielsko Biala, rientrato interamente in mano di Fiat Powertrain Technologies (FPT) nel 2010, ha sfornato negli anni un gran numero di MultiJet 1.3 16v destinati a General Motors e ad altri, sulla base di specifiche joint venture. Opel Agila, Astra, Corsa, Meriva, Tigra TwinTop e Combo hanno utilizzato questo motore, così come ha fatto la seconda serie di Ford Ka, Suzuki Swift, Splash, Wagon R+ e Ignis. A riprova di una larga diffusione ci sono poi le recenti applicazioni del 1.3 16v Multijet II sui multispazio francesi Citroën Nemo e Peugeot Bipper, oltre che su Tata Indica Vista e Indigo Manza che montano i motori assemblati dal 2008 nello stabilimento Fiat Powertrain di Ranjangaon, in India.

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat , auto italiane , nuovi motori


Top