dalla Home

Home » Argomenti » Bollo e Tasse

pubblicato il 4 febbraio 2011

Bollo auto 2011: come si calcola e come si paga

Il 28 febbraio è il termine ultimo per pagare quelli che scadono a gennaio

Bollo auto 2011: come si calcola e come si paga

Il 2011 inizia per molti automobilisti con una tassa da pagare. E stiamo parlando della tassa più odiata di tutte dopo l'aggio esattoriale e il canone Rai, come è emerso da un recente studio effettuato da Krls Network of Business Ethics per conto dell'Associazione Contribuenti Italiani: il bollo auto. Tuttavia, sensazioni a parte, il 28 febbraio, come ricorda l'Agenzia delle Entrate, è il termine ultimo per pagare il bollo auto (autoveicoli fino a 35 kw) con scadenza gennaio 2011. Questa data limite è valida per tutte le Regioni che non hanno disposto diversamente e l'importo del bollo, lo ricordiamo, si può calcolare anche online.

COME SI CALCOLA L'IMPORTO DA PAGARE
Il punto di riferimento per sapere a quanto ammonta l'importo da pagare per il bollo auto è rappresentato dalla normativa comunitaria sulle emissioni inquinanti, riportata sulla carta di circolazione. In pratica occorre considerare se si tratta di un Euro 0, 1, 2, 3, 4 o 5 e moltiplicare il corrispondente valore riportato nella tabella per ogni KW di potenza dell'auto ad uso privato o CV, per le auto il cui libretto di circolazione riporta ancora la potenza massima espressa in CV. Si tratta di calcoli abbastanza complicati, che si possono evitare utilizzando direttamente il sito dell'ACI oppure quello della Agenzia delle entrate, dove immettendo i dati del mezzo si ottiene subito l'importo esatto da pagare.

COME SI PAGA IL BOLLO AUTO
Si può pagare la tassa presso gli uffici dell'ACI, le tabaccherie, le agenzie di pratiche auto oppure la posta, con apposito bollettino di c/c/p.

IL PAGAMENTO IN RITARDO
Pagare in ritardo del bollo auto significa pagare di più dell'importo dovuto. L'aumento della quota, tuttavia, dipende dalla quantità di giorni che sono trascorsi dalla data di scadenza del bollo al pagamento. Se si paga infatti entro 30 giorni dalla scadenza, bisogna aggiungere una sanzione pari al 2,5% del bollo, più gli interessi che vanno calcolati su base giornaliera, applicando un tasso annuo del 3%. Superati i 30 giorni, la percentuale da aggiungere sale al 3% del bollo, più gli interessi, e se è trascorso un anno la sanzione diventa del 30%.

Autore:

Tag: Attualità , bollo auto


Top