dalla Home

Attualità

pubblicato il 31 gennaio 2011

Smog: a Milano è ancora blocco del traffico

Dopo la Domenica a piedi, da oggi per 3 giorni è stop nell'area Ecopass

Smog: a Milano è ancora blocco del traffico

La Domenica a piedi non è bastata. Oggi a Milano è scattata la seconda fase del piano messo a punto da Palazzo Marino con il nome di "Aria Pulita" per combattere lo smog. Le auto a benzina Euro 1 e 2 e le Diesel Euro 3 e 4 non potranno circolare nell'area Ecopass dalle 7:30 alle 19:30, mentre quelle a benzina Euro 0 e le Diesel Euro 0, 1 e 2 non potranno muoversi, ne di giorno ne di notte, per tutta la città. Il blocco del traffico prevede inoltre che anche chi ha la deroga per circolare nell'area Ecopass debba pagare il ticket d'ingresso e che solo gli Euro 5 e i veicoli alimentati a gas (GPL o metano) e quelli elettrici possano circolare liberamente. La multa per i trasgressori ammonta a 155 euro e il blocco del traffico durerà almeno fino a mercoledì, perché la legge impone come minimo tre giorni consecutivi di non sforamento dei limiti consentiti di Pm10.

UNA DOMENICA SENZA AUTO, MA CON 502 MULTE
Il blocco del traffico imposto Domenica 30 gennaio a Milano è costato a 502 automobilisti 155 euro. Tante sono state infatti le multe ai veicoli che hanno circolato senza permesso (nonostante un corposo elenco di deroghe). I controlli sono stati 3.175 e, come come riportano le agenzie, i passeggeri della metro sono aumentati del 40%. E se è vero che come previsto gli spalti di San Siro sono rimasti mezzi vuoti, la città informa che i musei hanno registrato un'affluenza da record. Abbastanza soddisfatto il sindaco Letizia Moratti, che ha detto: "Milano è una città attenta all'ambiente che intraprende percorsi innovativi per salvaguardarlo. Le strategie messe in atto dal Comune vedono il contributo di tutte le istituzioni, da quelle locali al governo. Una collaborazione che ci auguriamo possa rafforzarsi anche se sull'iniziativa il parere non è stato unanime. Si trattava però di un passo necessario".

LA SECONDA FASE DEL BLOCCO DEL TRAFFICO HA VIGILI PIU' "TOLLERANTI"
Ed un altro "passo necessario", per usare le parole di Letizia Moratti, è la seconda fase del piano anti-smog "Aria Pulita", che prevede oltre al bolocco del traffico le limitazione sul riscaldamento (le caldaie resteranno accese un'ora in meno e con un grado in meno). Il blocco del traffico riguarda invece il 18% del parco che ogni giorno accede all'area Ecopass e in teoria dovrebbe causare il fermo di circa 13.500 auto. Ad accertarsi che le regole vengano rispettate saranno i vigili, che presidieranno gli accessi ai 43 varchi. Dovranno "riconoscere" loro le auto, come ha spiegato il vicesindaco Riccardo De Corato, perché le telecamere di Ecopass non possono rilevare i trasgressori della fase due. Un limite che indebolisce il piano di Palazzo Marino, che però "non ci può fare nulla - come ha spiegato il vicesindaco -. Il governo non ci ha ancora concesso l'omologazione che abbiamo chiesto da un anno. E finché non l'avremo, non potremo utilizzare le telecamere per le multe dei provvedimenti anti smog". De Corato ha quindi promesso che in questi giorni i vigili saranno più tolleranti e che "ogni comunicazione verrà data tempestivamente. Agli abbonati Ecopass arriverà un sms sul telefonino".

E' POLEMICA PER IL BLOCCO DEL TRAFFICO
Gli oppositori al blocco del traffico sono molti e ad aggiungere legna al fuoco è anche il problema dello scarico/carico merci. Il Comune ha previsto una deroga per i furgoni diesel Euro 4 che trasportano merci deperibili, ma la categoria lamenta una mancanza di attenzione, mentre il candidato sindaco del centrosinistra, Giuliano Pisapia, si pone a capo degli oppositori del piano "Aria Pulita". "È lo stesso film da più di 10 anni, il costante superamento della soglia di Pm10 e l'improvviso ricorso a misure drastiche nella speranza che ricominci a piovere. Sarebbe stato meglio fare scelte più drastiche, ma più chiare per i cittadini chiudendo il centro storico", ha detto Pisapia definendo "inutili questi blocchi a singhiozzo (in alcuni casi pluriderogati) in assenza di una chiara e realizzabile strategia di interventi strutturali".

[Foto: Google]

Autore:

Tag: Attualità , blocco traffico , inquinamento , milano


Top