dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 gennaio 2011

Il Gruppo Fiat chiude il 2010 con utili e ricavi in crescita

Molto bene i veicoli commerciali leggeri, Ferrari e Maserati

Il Gruppo Fiat chiude il 2010 con utili e ricavi in crescita
Galleria fotografica - Fiat Punto MyLifeGalleria fotografica - Fiat Punto MyLife
  • Fiat Punto MyLife - anteprima 1
  • Fiat Punto MyLife - anteprima 2
  • Fiat Punto MyLife - anteprima 3
  • Fiat Punto MyLife - anteprima 4

Il mercato dell'auto in Italia l'avrà pure bocciato, ma il Gruppo Fiat nel 2010 ha superato tutti i target già rivisti al rialzo, grazie soprattutto ai veicoli commerciali leggeri e al polo del lusso Ferrari e Maserati. I ricavi, comunicati oggi - quando il consiglio di amministrazione si è riunito a Torino per approvare il bilancio -, sono stati pari a 56,3 miliardi di euro, ovvero sono aumentati del 12,3% rispetto al 2009, e l'utile della gestione ordinaria è raddoppiato a 2,2 miliardi di euro contro i 1,1 miliardi del 2009. Il margine sui ricavi si è così attestato al 3,9% (2,1% nel 2009) grazie al contributo positivo di tutti i business, sebbene l'utile netto sia diminuito, passando dagli 848 milioni di euro del 2009 ai 600 milioni di euro dell'anno appena passato, come si legge nella comunicazione Fiat. Sceso anche l'indebitamento netto industriale, che si è attestato a 2,4 miliardi di euro (4,4 miliardi di euro a fine 2009) a fronte di una liquidità che è aumentata a 15,9 miliardi di euro, dai 12,4 miliardi di euro dell'anno precedente. Tutti dati che si riferiscono al Gruppo Fiat prima dello scorporo, che ha avuto efficacia legale il primo gennaio 2011, e che sono accompagnati dalla conferma degli obiettivi finanziari fissati per i diversi business nel Piano Stategico 2010-2014 presentato ad aprile agli azionisti e alla stampa.

RISULTATI CONSOLIDATI 2010: UN DOSSIER DI "TRANSIZIONE"
I numeri che si leggono nel dossier 2010 sono numeri "particolari". Non solo perchè si tratta dell'ultima volta che si parla dei risultati del "vecchio" Lingotto, cioè del Gruppo Fiat prima della scissione che ha dato vita a Fiat SpA e Fiat Industrial; ma anche perché è la prima volta che le consegne includono i prodotti Chrysler, Jeep e Dodge (circa 13.500 unità). L'avvio dell'attività di distribuzione di questi marchi attraverso la rete commerciale europea di FGA, progressivamente implementato durante l'anno, si è infatti ormai completato. Andando quindi a leggere i ricavi 2010 del Fiat Group Automobiles si evince che sono stati raggiunti i 27,9 miliardi di euro (+6%) e che la contrazione dei volumi delle vetture (-8,2%) è stato compensato dal consistente incremento delle vendite di veicoli commerciali leggeri (+27%). Per le sole autovetture, Fiat Group Automobiles ha registrato in Europa un calo del 15,1%, in Italia del 16,3%, in Germania del 53,2% e in Gran Bretagna del 17,5%, mentre sono rimaste stabili in Francia (+0,9%) e aumentate in Spagna (+48,3%), dove, però, le consegne del 2009 erano state particolarmente basse. Tra i mercati minori sono da segnalare gli ottimi risultati ottenuti in Olanda (+59,3%), Belgio (+40,9%), Portogallo (+35,1%) e Danimarca (+78,7%).

QUOTE DI MERCATO IN DISCESA PER FIAT GROUP AUTOMOBILES
Fiat Group Automobiles ha chiuso il 2010 con una quota in Europa in calo dell'1% circa che si è attestata al 7,5%. In calo anche la quota nei principali mercati: in Italia è scesa del 2,7% fino al 30,1%; in Germania è arrivata al 3% (-1,7%); in Francia al 4% (-0,3%) e in Gran Bretagna al 3% (-0,5%). C'è stata invece una crescita in Spagna fino al 3% (+0,5%) e in Olanda al 6,4% (+44% nelle immatricolazioni e un aumento della quota di 0,8%). Procedendo per marchi, tutti hanno registrato una piccola perdita di quota, arrivando a toccare in Europa il 6% nel caso di Fiat, lo 0,7% in quello di Lancia e lo 0,8% di Alfa Romeo, che ha comunque chiuso positivamente il 2010 grazie al successo di Giulietta.

UN'OTTIMA ANNATA PER MASERATI
L'anno 2010 si è chiuso bene per Maserati, che ha realizzato ricavi pari a 586 milioni di euro, con un incremento del 30,8% rispetto al 2009 grazie soprattutto alla GranCabrio. Nell'anno sono state consegnate 5.675 unità, con un aumento del 26,4% che ha interessato la maggior parte dei 59 Paesi in cui Maserati opera e in particolare negli USA, dove l'incremento è stato pari al 45%. Ottimo anche l'andamento nel Regno Unito (+72%) e nel mercato cinese che, con un incremento del 128%, è diventato dopo Stati Uniti, Italia e Regno Unito, il mercato più importante per la Casa del Tridente. Nel 2010 l'utile della gestione ordinaria di Maserati è stato di 24 milioni di euro (4,1% dei ricavi). Il netto miglioramento rispetto all'utile di 11 milioni di euro (2,5% dei ricavi) registrato nel 2009 è stato realizzato grazie all'incremento dei volumi ed alla continua ottimizzazione dei costi di gestione.

FERRARI ANCORA IN POLE POSITION
Insieme a Maserati è da segnalare anche la buona performance di Ferrari, a dimostrazione che il polo del lusso non ha particolarmente sofferto sui mercati internazionali il generico calo delle immatricolazioni. Il marchio del Cavallino Rampante ha infatti realizzato durante il 2010 ricavi per 1.919 milioni di euro, in crescita del 7,9%, grazie soprattutto alla 458 Italia, alla California e alla 599 GTO. Le consegne sono aumentate del 5,4% (6.573 vetture), superando in termini di vetture consegnate alla rete il record storico del 2008. Ferrari ha così chiuso il 2010 con un utile della gestione ordinaria di 303 milioni di euro (15,8% dei ricavi), a fronte dell'utile di 238 milioni di euro del 2009 (13,4% dei ricavi).

Galleria fotografica - Lancia Delta "Hard Black"Galleria fotografica - Lancia Delta "Hard Black"
  • Lancia Delta \
  • Lancia Delta \
  • Lancia Delta \
Galleria fotografica - Nuova Alfa Romeo GiuliettaGalleria fotografica - Nuova Alfa Romeo Giulietta
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 1
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 2
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 3
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 4
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 5
  • Nuova Alfa Romeo Giulietta - anteprima 6
Galleria fotografica - Ferrari 599 GTOGalleria fotografica - Ferrari 599 GTO
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 1
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 2
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 3
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 4
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 5
  • Ferrari 599 GTO - anteprima 6
Galleria fotografica - Ferrari 458 ItaliaGalleria fotografica - Ferrari 458 Italia
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 1
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 2
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 3
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 4
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 5
  • Ferrari 458 Italia - anteprima 6
Galleria fotografica - Maserati GranCabrio Galleria fotografica - Maserati GranCabrio
  • Maserati GranCabrio  - anteprima 1
  • Maserati GranCabrio  - anteprima 2
  • Maserati GranCabrio  - anteprima 3
  • Maserati GranCabrio  - anteprima 4
Galleria fotografica - Ferrari CaliforniaGalleria fotografica - Ferrari California
  • Ferrari California - anteprima 1
  • Ferrari California - anteprima 2
  • Ferrari California - anteprima 3
  • Ferrari California - anteprima 4
  • Ferrari California - anteprima 5
  • Ferrari California - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , torino


Top