dalla Home

Novità

pubblicato il 26 gennaio 2011

Pagani Huayra

'Ali di gabbiano' all’italiana, con V12 biturbo AMG da 700 CV e cambio sequenziale Xtrac

Pagani Huayra
Galleria fotografica - Pagani HuayraGalleria fotografica - Pagani Huayra
  • Pagani Huayra - anteprima 1
  • Pagani Huayra - anteprima 2
  • Pagani Huayra - anteprima 3
  • Pagani Huayra - anteprima 4
  • Pagani Huayra - anteprima 5
  • Pagani Huayra - anteprima 6

La Pagani Zonda va ufficialmente in pensione dopo 12 anni di onorata carriera e il suo posto nell'Olimpo delle supercar viene preso dalla nuova Pagani Huayra che, anticipata da alcuni teaser, deriva il nome da "Aymara Huayra Tata", divinità andina del vento. Le differenze rispetto alla Zonda sono sottili, ma sostanziali. La vista laterale ripropone il basso profilo della Zonda, mentre la grande bocca anteriore propone nuove rotondità ripetute anche nello specchio di coda. La sagoma generale della Pagani Huayra, che è lunga 4.605 mm, larga 2.036 mm e alta 1.169 mm, rimane legata al concetto dell'ala rovesciata, con prese e sfoghi d'aria sapientemente posizionati nei punti strategici. I fari bi-xeno e le luci diurne a LED della Pagani Huayra derivano invece dalla Zonda R.

CAMBIO SEQUENZIALE
Totalmente nuova è la scelta delle portiere ad ala di gabbiano che integrano buona parte del tetto. La scocca, come da tradizione Pagani, è in carbonio e titanio, con numerosi dettagli in alluminio e materiali ultraleggeri (come lo scarico in titanio da 10 kg) che contengono il peso complessivo nei 1.350 kg. Il motore è ancora il V12 biturbo Mercedes di 5.980 cc appositamente sviluppato da AMG per esprimere più di 700 CV e oltre 1.000 Nm. Il nuovo motore siglato M158 è dotato di lubrificazione a carter secco e risponde alla normativa Euro 5, vantando per di più una riduzione di consumi ed emissioni rispetto a quello della Zonda. Il cambio collegato alle ruote posteriori è un Xtrac sequenziale 7 marce, dal peso complessivo di 96 kg. L'esperienza accumulata con la Zonda R torna anche a livello di telaio, dove le sospensioni indipendenti sfruttano doppi bracci in Avional, più leggeri del 30% rispetto a quelli in alluminio. Gli ammortizzatori regolabili sono degli Öhlins, mentre per le gomme Horacio Pagani si è appoggiato ai Pirelli P Zero per ottenere accelerazioni laterali nell'ordine di 1,5 g e velocità massima superiore ai 370 km/h.

INTERNI DA SOGNO
L'attenzione all'ergonomia del pilota e al posizionamento dei comandi rimane uno dei punti forti della Pagani, che sulla Huayra propone volante multifunzione con palette del cambio, sedili avvolgenti con un occhio al comfort. Una vera chicca per intenditori è il meccanismo della leva del cambio completamente esposto alla vista che permette di vedere il movimento dei bracci che comandano la cambiata sequenziale. La console centrale in anticorodal accoglie uno schermo multi funzione che fornisce i dati su impianto audio, navigatore, telefono Bluetooth e altre funzioni. anche il quadro strumento è realizzato in alluminio e include un display per le funzioni vitali della vettura in modalità Sport e trip computer quando si viaggia in Comfort. Il prezzo base della Huayra è stato fissato in 825.000 euro tasse escluse, che naturalmente possono lievitare a seconda delle personalizzazioni richieste dal cliente.

Scheda Versione

Pagani Huayra
Nome
Huayra
Anno
2011
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
2 volumi
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Novità , Pagani , ginevra , car design , auto italiane , nuovi motori


Top