dalla Home

Tecnica

pubblicato il 19 gennaio 2011

T.27: crash test superato

Condotte al proving ground MIRA le prove d'urto della 3 posti elettrica di Gordon Murray

T.27: crash test superato
Galleria fotografica - T.27: crash test superatoGalleria fotografica - T.27: crash test superato
  • T.27: crash test superato - anteprima 1
  • T.27: crash test superato - anteprima 2
  • T.27: crash test superato - anteprima 3

La T.27, versione elettrica della citycar T.25 - tre posti da 2,40 metri progettata da Gordon Murray per rivoluzionare la mobilità - si è sottoposta al delicato esame del crash test, dopo le consuete simulazioni al calcolatore. La prova si è svolta presso il MIRA (Motor Industry Research Association), dove il team di ingegneri che collaborano con Gordon hanno raccolto i primi risultati della delicata fase che segue la progettazione, ovvero la sperimentazione fisica.

Il crash test interessato è quello obbligatorio per l'omologazione europea: l'impatto frontale contro una barriera deformabile disassata del 40% dall'asse longitudinale della vettura. Le previsioni delle simulazioni virtuali sono state rispettate, impedendo alla barriera l'intrusione all'interno dell'abitacolo. La ricaduta positiva della resistenza della scocca è stata importante anche per validare il processo produttivo iStream, con cui l'assemblaggio dell'auto sarà semplificato ma che poteva compromettere il raggiungimento degli standard di una scocca "normale".

In realtà l'iStream ruota attorno alla monoscocca in materiale composito, critica da inserire nei consueti processi produttivi, ma in grado di assorbire la maggior parte dell'energia d'urto. Frank Coppuck, direttore del reparto engineering della GMD, ha detto che "il crash test della T.27 rapppresenta un importante traguardo per il processo iStream, che ha dimostrato di poter coniugare la leggerezza del telaio con una grande diminuzione di energia per la realizzazione dei processi produttivi". Con l'ausilio dei fondi stanziati dalla commissione governativa che si occupa di strategie tecnologiche, i primi prototipi della T.27 potranno vedere la luce nella primavera del 2011.

Galleria fotografica - Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010Galleria fotografica - Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 1
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 2
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 3
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 4
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 5
  • Gordon Murray riceve il premio SMMT Automotive Innovation Award 2010 - anteprima 6
Galleria fotografica - Gordon Murray Design T.25Galleria fotografica - Gordon Murray Design T.25
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 1
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 2
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 3
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 4
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 5
  • Gordon Murray Design T.25 - anteprima 6
Galleria fotografica - Murray T27Galleria fotografica - Murray T27
  • Murray T27 - anteprima 1
  • Murray T27 - anteprima 2
  • Murray T27 - anteprima 3

Autore:

Tag: Tecnica , crash test


Top