dalla Home

Test

pubblicato il 14 gennaio 2011

Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia

Le due tonnellate di mole un difetto? Con il giusto stile di guida diventano un "pro"

Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia
Galleria fotografica - Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energiaGalleria fotografica - Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 1
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 2
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 3
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 4
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 5
  • Lexus RX 450h Hybrid, il SUV che rigenera energia - anteprima 6

La RX-450h Hybrid che abbiamo provato è l'evoluzione dell'ibrido nella sua espressione più modaiola e lussuosa. L'opera di affinamento messa in pratica da Lexus, rispetto al modello precedente, si nota da subito: la "presenza su strada" della RX trasmette solidità e la cura del dettaglio, tipica della cultura giapponese, mette questa Toyota in diretta concorrenza con i più blasonati concorrenti tedeschi.

ALL'ABITACOLO SI ACCEDE CON UN DITO
Ci riferiamo a due aspetti che hanno attirato immediatamente la nostra attenzione: il limitato gioco tra i pannelli della carrozzeria e il sistema di accesso key-less, che non è una novità assoluta, è vero, ma su questa Lexus il dispositivo è realizzato in maniera originale. Il badge che funge da chiave rimane comodamente in tasca, ma lo sportello non si apre premendo un pulsante (o avvicinando la mano ad un sensore): la soluzione qui è più elegante - anche se poco intuitiva, dobbiamo ammetterlo - e sblocca la portiera appoggiando il pollice sulla parte fissa della maniglia, mentre per chiudere le serrature occorre "pinzare" tra due dita il fulcro della maniglia stessa. Una volta presa l'abitudine, si apprezza la comodità dell'accesso all'abitacolo, che accoglie gli occupanti su sedili di dimensioni generose e rivestimenti di qualità. La tonalità scura della pelle mette in risalto il legno che "spicca" dal tunnel centrale e dai pannelli porta creando, assieme all'illuminazione color ghiaccio della strumentazione e dei comandi, una sensazione di pulizia e ordine. La parte alta della plancia si apprezza al tatto per il trattamento morbido delle plastiche e il movimento dei volumi mette in risalto la consolle in alluminio satinato che si frappone tra il display di navigatore e computer di bordo e il selettore del cambio automatico. La complessità delle forme non ha compromesso la precisione degli assemblaggi: infatti anche dopo i passaggi sullo sconnesso del pavé cittadino non abbiamo da segnalare scricchiolii o rumori di sorta. Se è vero che gli interni sono caratterizzati dalla ricercatezza stilistica, l'attenzione nipponica all'ergonomia e alla funzionalità ritorna nel sistema di comando del display multifunzionale, un vero e proprio mouse posto fra i due sedili anteriori. I pulsanti si trovano proprio sotto le dita della mano e rendono intuitivo l'utilizzo del navigatore, dell'impianto audio e del computer di bordo.

LA GUIDA: "UN DARE E AVERE" DI ENERGIA
Analogamente ad altri modelli ibridi della gamma Toyota, come la Auris HSD, dalla RX 450h Hybrid abbiamo avuto l'ennesima conferma di come al volante di un'auto ibrida ci si senta inclini ad adottare uno stile di guida "diverso" dalle altre automobili a motore solo endotermico. L'aggressività che spesso i SUV trasmettono ai loro conducenti diventa "innaturale" sulla Lexus che, oltre a suggerire con il silenzio la souplesse di marcia, comunica nel quadro strumenti il flusso di energia che intercorre tra i motori elettrico e termico ed il pacco batterie. La caratteristica del SUV Lexus che più ci ha colpito rispetto alle ibride che abbiamo guidato in passato è la maggiore percentuale di tempo in cui il 6 cilindri endotermico rimane spento. Anche senza essere troppo attenti alla pressione sul pedale del gas, la RX 450h si muove con disinvoltura pur mantenendo la eco-lancetta fuori dall'area "Power" dello strumento. S'impara presto, poi, a volgere a proprio favore la mole della vettura (2.110 kg a vuoto) nelle frenate, sfruttando le generose dimensioni dei freni rigenerativi permesse dai cerchi da 19 pollici: si arriva così a guidare "ad elastico", sfruttando il traffico per accelerare in modalità full-electric per poi frenare con decisione per ricaricare le batterie. In questo modo ci siamo accorti di poter guidare un SUV in maniera ecologica anche nel traffico cittadino, guadagnando inoltre in termini di confort grazie al notevole isolamento dall'esterno dell'abitacolo e all'assoluto silenzio di marcia quando si viaggia con la trazione elettrica.

FEELING DI GUIDA FUTURISTICO, SLEGATO DAL "CONCRETO" SUOLO
La sensazione di isolamento dell'abitacolo è confermata dai comandi, con il feeling al pedale del freno molto influenzato dalla presenza nell'impianto frenante del rigeneratore elettrico di energia, e il volante caratterizzato da un carico artificiale durante i colpi di sterzo e le curve di percorrenza tipiche dei percorsi autostradali. Ci è piaciuto però il rapporto di demoltiplicazione piuttosto diretto che, unito ad un limitato sforzo al volante, contribuisce a rendere meno problematico l'utilizzo urbano di questa SUV, a conferma del fatto che la città potrebbe essere paradossalmente considerato l'habitat di questo veicolo di 4,77 metri di lunghezza. Un gadget particolarmente utile di cui la tecnologica RX 450h è dotata è la telecamera posta sui passaruota anteriori, che visualizza sul display della plancia l'area attorno alla ruota nelle curve più strette. Per il resto l'interfaccia del conducente con il veicolo è filtrata da una nutrita serie di servocomandi, tra i quali citiamo la regolazione elettrica in altezza e profondità del volante (tipica dotazione di un veicolo premium) e la variazione dell'assetto della vettura garantita dalle sospensioni pneumatiche, impostabili su tre posizioni: "Hi", "N", "Low". L'attuazione dei relativi pulsanti è però resa scomoda dal posizionamento degli interrutori, raccolti in una plancetta posta nella parte inferiore sinistra della plancia.

... E LA CONCORRENZA?
Rispetto alle principali concorrenti, BMW X5, Mercedes ML, Porsche Cayenne e Range Rover Sport, la Lexus RX 45h Hybrid punta tutto sul livello di finiture e assemblaggi e sulla tecnologia ibrida in cui Toyota investe da anni e che viene proposta come valore aggiunto anche in una nicchia di mercato in cui si tende a valorizzare di meno le soluzioni tecniche e il confort rispetto all'immagine e alle prestazioni.

Scheda Versione

Lexus RX 450h Hybrid
Nome
RX 450h Hybrid
Anno
2009 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
ibrida
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Lexus , auto giapponesi , auto ibride


Top