dalla Home

Novità

pubblicato il 12 gennaio 2011

Jeep 70th Anniversary Edition

Al NAIAS si celebrano i 70 anni con le edizioni speciali

Jeep 70th Anniversary Edition
Galleria fotografica - Jeep 70th Anniversary EditionGalleria fotografica - Jeep 70th Anniversary Edition
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 1
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 2
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 3
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 4
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 5
  • Jeep 70th Anniversary Edition - anteprima 6

Al NAIAS di Detroit (15-23 gennaio) si festeggiano i 70 anni del marchio Jeep con tre edizioni speciali destinate però al solo mercato nordamericano. Si tratta delle versioni 70th Anniversary Edition della rinnovate Compass, Grand Cherokee, Cherokee, Patriot e Wrangler. Tutti i modelli Jeep "70th Anniversary Edition" saranno introdotti sul mercato USA nel primo trimestre 2011 e saranno disponibili in tre tonalità distintive: l'inedito "Bronze Star" ed i già noti "Bright Silver" e "Black". Le Jeep dell'anniversario condividono alcuni particolari dedicati come cerchi in lega maggiorati (da 20 pollici in alluminio lucidato sulla Grand Cherokee, Mopar con inserti verniciati sulla Cherokee), rivestimenti in pelle per sedili e consolle, modanature cromate per esterni ed interni e, naturalmente, il logo celebrativo "70th Anniversary" su carrozzeria e consolle.

DALLA WILLYS A MARCHIONNE
Sono passati 70 anni da quando l'esercito americano indisse il primo bando per rimpiazzare le ormai obsolete Ford Model-T con un nuovo veicolo leggero da ricognizione definito in ambiente militare "GP Vehicle", ovvero "General Purpose Vehicle". Furono convocati 135 costruttori ai quali fu richiesta una vettura con caratteristiche particolari come un parabrezza reclinabile, tre sedili, 600 libbre di capacità di carico, un motore che girasse senza esitazioni anche a velocità bassissime, quattro ruote motrici e misure compatte: passo di 75 pollici, altezza inferiore a 36 e corpo vettura rigorosamente squadrato. Ottennero il contratto di fornitura Willys-Overland, American Bantam Car Manufacturing Company e Ford, che chiamarono i propri prototipi rispettivamente Quad, BRC e Pygmie. Fu scelto il Quad della Willys, che presto fu chiamato confidenzialmente dai militari "Jeep", cioè come suonava la pronuncia della sigla "GP". Un'altra versione vuole che il nomignolo derivi dal personaggio "b>Eugene the Jeep", il cagnolino dai poteri magici dei fumetti di Popeye, forse per via delle ottime doti da arrampicatrice della Willys. Fatto sta che "Jeep" divenne un nomignolo di uso comune. Willys registrò il marchio dopo la guerra con lo scopo di farne un veicolo civile, che nacque nel 1945: si chiamava Jeep CJ-2A ed era il capostipite del marchio che Sergio Marchionne vorrebbe rilanciare da Mirafiori dove in questi giorni si decide il futuro dello stabilimento con uno storico referendum dei lavoratori.

Scheda Versione

Jeep Compass
Nome
Compass
Anno
2011 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Novità , Jeep , detroit , serie speciali , anniversari


Top