dalla Home

Curiosità

pubblicato il 10 gennaio 2011

La Volkswagen Passat made in Tennessee

Più grande e meno costosa di quella europea, sarà costruita e venduta solo negli USA

La Volkswagen Passat made in Tennessee
Galleria fotografica - La Volkswagen Passat americanaGalleria fotografica - La Volkswagen Passat americana
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 1
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 2
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 3
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 4
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 5
  • La Volkswagen Passat americana - anteprima 6

Si chiama semplicemente Passat la nuova berlina Volkswagen sviluppata espressamente per il mercato USA. Anticipata da un teaser con il nome di NMS o New Midsize Sedan, la nuva 3 volumi di Wolfsburg affianca la Jetta nell'offerta delle vetture adattate alle esigenze degli automobilisti americani. Con una lunghezza di 4,87 metri, la Passat "USA" è più lunga della Passat "europea" di 10 cm e sarà disponibile a marzo a partire da un prezzo di circa 20.000 dollari (15.500 euro), risultando così la Passat più grande e meno costosa di sempre.

LA CODA FILANTE SLANCIA LE LINEE, GLI INTERNI SI ADDOLCISCONO
Esteticamente rispetto alla "nostra" Passat cambia lo stile della coda, i cui gruppi ottici inclinati enfatizzano la dinamicità del terzo volume suggerita dal montante posteriore rastremato, che ha permesso di ricavare la terza luce assente sul modello europeo. L'immagine della Passat USA risulta così essere più moderna, nonostante l'aumento delle dimensioni. La plancia risulta più morbida nello svilupopo orizzontale delle linee, che si raccordano con i pannelli porta e la consolle centrale, meglio inserita nell'abitacolo. I sedili e la componentistica interna rimangono invece inalterati rispetto alla Passat europea.

PENSATA E COSTRUITA NEGLI STATES, PUNTA SUI TDI TEDESCHI
Lo sviluppo della berlina è stato coordinato da Volkswagen USA, che ha creato il nuovo stabilimento produttivo di Chattanooga, in Tennessee, dove motori e trasmissioni tedeschi giungeranno dal Vecchio Continente. La gamma partirà dal 5 cilindri a benzina da 170 CV con cambio automatico, affiancato al VR6 a sei cilindri con 280 CV e cambio a doppia frizione DSG. Il modello più "green" sarà il turbodiesel TDI da 140 CV, con un consumo extraurbano omologato di 43 mpg / 18,3 km/l. Un accessorio particolare è il "Valet Parking", che permette al proprietario della vettura di azionare con un pulsante la serratura del bagagliaio, rendendendo così possibile la riapertura solo tramite una speciale chiave. Un altro optional dedicato è il "Remote Start", pensato per incrementare il confort climatico della vettura a distanza, azionando il climatizzatore per un massimo di 10 minuti per raffreddare o riscaldare l'abitacolo, a seconda delle condizoni meteoroliogiche

USA ED EUROPA DIVISI DA PIU' DI 10.000 EURO
Come abbiamo già anticipato, la "grande" Passat costerà meno della sorella europea. In particolare, la turbodiesel 2.0 TDI da 140 CV venduta in italia parte da un prezzo di 28.950 euro, contro una forbice di prezzi americani che spazierà nel range dei 20.000-30.000 dollari (15.500-23.500 euro). I prezzi ufficiali per gli USA saranno comunicati a marzo e le consegne inizieranno ad agosto.

Autore:

Tag: Curiosità , Volkswagen , auto americane


Top