dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 7 gennaio 2011

Buick Verano

La nuova berlina per gli USA e la Cina sfida le migliori grazie alla tecnologia dell’Opel Astra

Buick Verano
Galleria fotografica - Buick VeranoGalleria fotografica - Buick Verano
  • Buick Verano - anteprima 1
  • Buick Verano - anteprima 2
  • Buick Verano - anteprima 3
  • Buick Verano - anteprima 4
  • Buick Verano - anteprima 5
  • Buick Verano - anteprima 6

General Motors presenterà al Salone di Detroit (15-23 gennaio) la Buick Verano, la berlina più compatta mai apparsa sui listini del marchio e destinata a dare battaglia all'Audi A3 e alla Lexus IS250, dunque non solo alle varie Toyota Corolla, Volkswagen Jetta, Ford Focus berlina e Nissan Sentra. Ambizioni legittimate dalla sua sostanza "tedesca". Lunga 4,67 metri, la nuova Verano prende molto dalla Opel Astra, a cominciare dalla piattaforma Delta II (comprese le raffinate sospensioni posteriori con bracci longitudinali interconnessi e parallelogramma di Watt trasversale) per finire con gli interni e la plancia. Solo che tutto è in un package e in uno stile tutti americani, con un occhio anche a quelli cinesi visto che il marchio Buick è l'ariete di GM in quello che da un paio di anni è il più grande mercato del mondo.

Tra gli elementi di spicco c'è la dotazione di sicurezza con 10 airbag e quelli a tendina che si attivano automaticamente in caso di ribaltamento, poi c'è il sistema multimediale OnStar con schermo tattile che avvisa automaticamente in caso di incidente ed è integrato con il sistema audio Bose e radio digitale con comandi sul piantone del volante. L'OnStar permette inoltre di controllare a distanza il livello del carburante e autonomia residua, la vita residua dell'olio, la pressione degli pneumatici e la lettura del contachilometri. L'accesso remoto consente persino di localizzare la vettura, bloccare e sbloccare le serrature e avviarne il motore.

Il volante e i sedili sono riscaldati elettricamente e si avviano in automatico quando la temperatura esterna scende al di sotto dei 7 gradi centigradi, una funzione attivabile a distanza tramite le chiave. Inoltre la climatizzazione è bizona, il freno di stazionamento è elettrico e l'avviamento a pulsante. Altre finezze sono il bracciolo anteriore regolabile e i cristalli laminati per il parabrezza e le finestre anteriori per migliorare il comfort acustico. Il motore scelto è il 4 cilindri 2,4 litri aspirato a iniezione diretta da 180 CV accoppiato a un cambio automatico a 6 rapporti HydraMatic di costruzione General Motors. Lo 0-60 miglia orarie viene coperto in 8 secondi inoltre offre un consumo di 31 miglia per gallone in autostrada e può funzionare anche con E85. Più avanti la Verano sarà offerta anche con un 2 litri turbo, anch'esso a iniezione diretta che fornirà prestazioni ancora migliori.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , detroit


Top