dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 6 gennaio 2011

Volkswagen New Midsize Sedan, primo teaser

Sotto il lenzuolo, la prima media studiata da Wolfsburg per il mercato americano

Volkswagen New Midsize Sedan, primo teaser

Sul sito statunitense di Volkswagen è apparso il primo teaser della cosiddetta NMS o New Midsize Sedan, la berlina - il cui nome vero è ancora top secret - che la casa tedesca presenterà al Salone di Detroit (15-23 gennaio) e che sarà costruita nel nuovo stabilimento di Chattanooga, in Tennessee, con motori costruiti a Guanajuato, in Messico con un investimento di 550 milioni di dollari.

Nei piani di Volkswagen si tratta di un'arma fondamentale per acquisire sul mercato nordamericano una posizione solida e una fetta consona a quella detenuta in altri contesti. Il brand tedesco ha chiuso il 2010 negli USA con 257 mila unità e un progresso del 20,7% e una berlina media è ciò che le manca per attaccare il cuore del mercato americano visto che nella top ten della vetture più vendute nel 2010 ben sei appartengono a questo segmento (Toyota Camry, Honda Accord, Nissan Altima, Ford Fusion, Chevrolet Malibu e Hyundai Sonata) e da sole valgono quasi 1,5 milioni di vetture ossia il 12,5% di tutte le targhe dello scorso anno.

La NMS sarà basata sulla stessa piattaforma della Passat, ma misurerà circa 4,9 metri, dunque circa 15 cm in più e probabilmente la sostituirà vista anche la crescita dimensionale della Jetta (4,64 metri). Ma perché questo avvicendamento? Perché la Passat è più piccola e meno abitabile delle sue avversarie, oltre a questo è più costosa e per questo non è mai riuscita ad essere competitiva contro modelli il cui prezzo di attacco parte da 20 mila dollari contro i 27mila della Passat, anche se quest'ultima si presenta come più ricca e sofisticata: gli americani purtroppo apprezzano vetture più larghe e meno care.

I motori della NMS dovrebbero essere il 4 cilindri 2 litri TSI turbo da 200 CV, il 5 cilindri 2,5 litri aspirato da 170 CV, il V6 FSI 3,6 litri da 280 CV oltre al Diesel 2 litri TDI common rail da 140 CV, una scelta che potrebbe apparire perdente e invece è obbligata per un marchio che realizza il 22% delle proprie vendite negli USA proprio con il motore a gasolio con una punta del 56% per la Golf. Altro marchio di fabbrica di Volkswagen è il cambio a doppia frizione DSG, probabile anche una versione con la trazione integrale. Nel 2013, così come per la Passat, arriverà una versione ibrida con motore 1,4 litri TSI e motore elettrico inserito nel cambio DSG a 7 rapporti alimentato da batteria al litio. Per lo stile non dovrebbero esserci sorprese: anticipato dallo schizzo rilasciato qualche mese fa, la nuova media avrà le forme semplici e solide delle Volkswagen di ultima generazione.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Volkswagen


Top