dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 5 gennaio 2011

Caro carburante: i consumatori chiedono l'intervento del governo

E' allarme per i dati resi noti dall'Istat sull'inflazione

Caro carburante: i consumatori chiedono l'intervento del governo

Era stata promessa per marzo 2010 e invece a gennaio 2011 la riforma della rete di distribuzione dei carburanti non è ancora realtà. Un ritardo che poco piace agli automobilisti, costretti a leggere su tutti i giornali che l'inflazione a dicembre è balzata all'1,9% su base annua, dall'1,7% di novembre. Si tratta del dato più alto dal dicembre 2008, ma, cosa ancora più grave, come dice il Codacons, di una impennata su base mensile pari allo 0,4%. Questi dati - comunicati dall'Istat in base alle stime provvisorie - appaiono molto preoccupanti. Infatti, secondo le associazioni dei consumatori, anche se l'inflazione si fermasse per tutto il 2011 all'1,9%, si determinerebbe una stangata per le famiglie italiane pari a 567 euro su base annua. Se invece, come temono e prevedono le associazioni aderenti a Casper (Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori), il trend di risalita dell'inflazione si confermasse nel corso del 2011, allora la stangata salirebbe addirittura a 902 euro a famiglia.

E in questo gioco al rialzo la spesa per i carburanti riveste un ruolo da protagonista. Se infatti i prezzi di alcol e tabacchi sono stabili, quelli dei carburanti volano: la benzina è salita del 9,8% (+6,1% a novembre) su base annua e del 2,5% su base mensile; il gasolio per auto è aumentato del 14,5% (+10% a novembre) in termini tendenziali e del 3% sul piano congiunturale; il GPL, invece, è salito del 21,3% (+20,2% a novembre) su base annua e del 6,5% su base mensile. "Ecco perchè il Governo, a differenza di quanto ha fatto finora, dovrebbe considerare come una priorità della sua politica economica, l'abbattimento dei prezzi, cominciando ad esempio a sterilizzare gli aumenti dei carburanti, che finiscono per avere un effetto moltiplicativo sull'inflazione - afferma il Presidente di Codacons, Carlo Rienzi - Inoltre il Governo dovrebbe intervenire con le liberalizzazioni, per fare in modo che gli italiani non abbiano le banche, le assicurazioni, i telefoni, la luce ed il gas più cari d'Europa".

Autore:

Tag: Attualità , gpl , carburanti alternativi , carburanti


Top