dalla Home

Novità

pubblicato il 21 dicembre 2010

Chrysler 300

L'ammiraglia americana sarà la nuova Lancia Thema e arriverà nel 2011

Chrysler 300
Galleria fotografica - Chrysler 300Galleria fotografica - Chrysler 300
  • Chrysler 300 - anteprima 1
  • Chrysler 300 - anteprima 2
  • Chrysler 300 - anteprima 3
  • Chrysler 300 - anteprima 4
  • Chrysler 300 - anteprima 5
  • Chrysler 300 - anteprima 6

La trazione posteriore sarà la principale caratteristica che la nuova Chrysler 300 - al debutto al Salone di Detroit (15-23 gennaio 2011)1 - porterà in dote alla prossima generazione dell'ammiraglia Lancia, che dovrebbe svelarsi al prossimo Salone di Ginevra (3-13 marzo 2011). La sostituta della 300 C mantiene infatti l'architettura della sua progenitrice, che ereditava l'autotelaio della Mercedes Classe E (modello W210, 1995-2000), con il motore anteriore longitudinale e la trazione al retrotreno. Sarà dunque questa la rivoluzione tecnica che investirà la Lancia, che per la nuova Thema abdicherà lo schema "tutt'avanti" su cui le eleganti berline torinesi hanno fatto affidamento per coniugare il confort alle doti di handling e stabilità tipiche del marchio. Vedremo se anche il travaso di pianale dalla nuova Chrysler 200 alla Lancia Flavia seguirà la stessa strategia. In Europa la proposta Fiat-Chrysler per il segmento E sarà coperta dal brand Lancia per tutte le nazioni "continentali", mentre in Gran Bretagna sbarcherà soltanto il modello con il marchio americano sulla calandra, che offrirà maggiori chances di penetrazione sul mercato dei "cugini" inglesi, storicamente affezionati alle auto made in USA.

DESIGN
L'estetica della 300 abbandona la caratterizzazione molto americana del precedente modello, sposando una fluidità delle linee più consona al posizionamento della vettura su vari mercati. Va forse a perdersi una personalità stilistica che, unita ad un attento posizionamento dei prezzi, aveva generato l'apprezzamento dei clienti. Il frontale risulta così essere meno squadrato e anche la coda, con la sua inclinazione, non enfatizza più la definizione del terzo volume che riprendeva un po' il look delle auto presenti nei film gangster ambientati a Detroit.

TELAIO E MOTORIZZAZIONI
Le sospensioni saranno caratterizzate dal controllo elettro-idraulico dello smorzamento, che nella variante Lancia potrebbe rispolverare il sistema Sky Hook della Thesis, aggiornato e rivisto per la nuova applicazione telaistica. I motori previsti per l'ammiraglia italo-americana si baseranno sul V6 Pentastar 3.6 litri da 292 CV e sul V8 Hemi 5.700cc con 360 CV, che copriranno le richieste dei clienti USA, e sui turbodiesel dedicati agli automobilisti del Vecchio Continente. La scelta più logica porterebbe all'aggiornamento del V6 3.0 litri di provenienza Mercedes, ancora omologato Euro 4, e sull'adozione del recente 4 cilindri 2.2 CRDi da 163 CV montato sulla Jeep Compass, recentemente ristilizzata. Non è ancora chiaro se la versione station wagon della 300 C, che ha ottenuto un discreto successo in Italia, riceverà una sostituta.

COMMERCIALIZZAZIONE E PREZZI
La nuova Chrysler 300 C debutterà sui mercati internazionali nella seconda metà del 2011 e i prezzi verranno resi noti poco prima della sua commercializzazione. Per l'Italia occorrerà attendere la presentazione del modello Lancia, atteso per il prossimo Salone di Ginevra.

Autore:

Tag: Novità , Chrysler , auto americane , detroit , auto italiane


Top