dalla Home

Motorsport

pubblicato il 31 dicembre 2010

Dakar 2011: si parte

In 430 al via della 33esima edizione della maratona fra Argentina e Cile

Dakar 2011: si parte
Galleria fotografica - Dakar 2010Galleria fotografica - Dakar 2010
  • Dakar 2010 - anteprima 1
  • Dakar 2010 - anteprima 2
  • Dakar 2010 - anteprima 3
  • Dakar 2010 - anteprima 4
  • Dakar 2010 - anteprima 5
  • Dakar 2010 - anteprima 6

La terza edizione della Dakar "sudamericana" che si corre fra Argentina e Cile, ovvero la 33esima del raid ideato da Thierry Sabine, quest'anno sembra aver ritrovato lo splendore della corsa che dagli anni '80 rappresenta per piloti e appassionati del fuoristrada il traguardo di una vita. Nell'immaginario collettivo al traguardo del lago Rosa di Dakar - la visione che simboleggiava la soddisfazione di essere arrivati fino in fondo - da due anni a questa parte si sono sostituiti gli scenari da sogno delle dune di Fiambala, del deserto di Atacama, della Cordigliera delle Ande. Il fascino della sfida rimane dunque immutato, se è vero che domani al via da Buenos Aires ci saranno infatti 430 veicoli fra auto, moto, quad e camion, 68 in più di quelli iscritti all'edizione 2010. Per tutti l'appuntamento è sul nastro di partenza di Buenos Aires, dove domani alle ore 20.30 italiane, si svolgerà la tradizionale cerimonia di apertura della competizione.

UN PAESE IN MARCIA
Piloti, meccanici, personale dell'organizzazione, cuochi, medici, giornalisti, fotografi, operatori. Attorno al "mondo" Dakar si muovono oltre 2.500 persone che per due settimane si sposteranno in un percorso che misura ben 9.500 km di cui più di 5.000 km di corsa vera e propria suddivisa in 13 prove speciali. A Capodanno ci sarà una sorta di revival della partenza degli anni '80, quando tutti i partecipanti si riunivano a Place de la Concorde a Parigi. L'obelisco che i concorrenti saluteranno sarà quello però dell'Avenida 9 de Julio di Buenos Aires, da dove si partirà e si ritornerà nel giro di due settimane toccando Victoria, Cordoba, San Miguel de Tucumán, San Salvador de Jujuy, Calama, Iquique, Arica, Antofagasta, Copiapo, Chilecito e San Juan. Le auto al via saranno 146, le moto saranno 183, i quad 33 e i camion 68. Iscritte inoltre 13 donne, fra cui la nostra motociclista Silvia Giannetti al debutto, mentre le nazionalità rappresentate sono ben 51.

A CACCIA DI SAINZ
La Dakar è sempre una lotteria che estrae il suo numero vincente all'ultimo momento. L'anno scorso, per quanto riguarda le auto, uscì il 303 dell'inossidabile Carlos Sainz, navigato dal connazionale Lucas Cruz, che ancora una volta è il favorito dopo la vittoria del Silk Way in Russia con il nuovo Volkswagen Race Touareg 3 su cui parteciperanno anche Nasser Al-Attiyah, Mark Miller e Giniel de Villiers. A contrastarlo ci proveranno però le BMW X3 CC e la MINI ALL4 Racing del Team X-Raid che schiera ben sette vetture con per il recordman Stephane Peterhansel e l'esperto Guerlain Chicherit (sulla MINI). Robby Gordonschiererà due Hummer H3, Nani Roma parteciperà su un Nissan Navara mentre Mathias Kahle piloterà il nuovo buggy SMG. Da tenere d'occhio comunque anche i prototipi di Overdrive, Dessoude e McRae. Fra le auto gli unici due equipaggi integralmente italiani sono quelli delle rientranti PanDAKAR di Elio Moro-David Giovannetti e Loris Calubini-Giulio Verzeletti, ma sono italiani anche i navigatori Roberto Di Persio e Maurizio Dominella, che assisteranno rispettivamente i cinesi Ningjun Lu e Kun Liu sulle Chery del team ufficiale Rely-Double Star Tire Team. Fra i "camionisti" da segnalare la presenza del giapponese Yoshimasa Sugawara, il più anziano in gara: a 69 anni è alla ventottesima partenza consecutiva. Quando si dice lo "spirito della Dakar".

LA DAKAR IN TV
Gli appassionati che voglio seguire la Dakar in televisione possono sintonizzarsi su Eurosport (Sky, canale 211) che offrirà una copertura quotidiana in diretta con il commento di Nicola Villani. Il 1° gennaio, dalle 20:30 alle 21.30, sarà trasmessa in diretta la cerimonia di apertura e la partenza da Buenos Aires mentre dal 2 al 16 gennaio, Eurosport seguirà in diretta dal campo base le ultime fasi della tappa del giorno, con un programma quotidiano in onda a partire dalle 20.15. Interessante ai fini della copertura mediatica è la presenza di un veicolo Eurosport che seguirà il percorso di ogni tappa, a stretto contatto con i piloti in gara.

Galleria fotografica - Dakar 2011 - La ricognizione della ASOGalleria fotografica - Dakar 2011 - La ricognizione della ASO
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 1
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 2
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 3
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 4
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 5
  • Dakar 2011 - La ricognizione della ASO - anteprima 6

Autore:

Tag: Motorsport , dakar


Top