dalla Home

Attualità

pubblicato il 21 dicembre 2010

Maltempo: 500 euro a chi è rimasto in autostrada?

Cautela. Possibile un compromesso: 10 euro per ogni ora di "'inferno"

Maltempo: 500 euro a chi è rimasto in autostrada?
Galleria fotografica - Autostrada bloccata causa neveGalleria fotografica - Autostrada bloccata causa neve
  • Autostrada bloccata causa neve - anteprima 1
  • Autostrada bloccata causa neve - anteprima 2
  • Autostrada bloccata causa neve - anteprima 3
  • Autostrada bloccata causa neve - anteprima 4

Odissea in autostrada: resta adesso sul tappeto il problema dei risarcimenti per i disagi. A pagare, in teoria, dovrebbe essere Autostrade per l'Italia, la concessionaria che gestisce l'A1 (2.855 chilometri di rete in totale). Stando a un'associazione dei consumatori, il Codacons, il percorso è delineato: 500 euro ad automobilista, più il rimborso del pedaggio. Basterà provare di essere rimasti intrappolati esibendo il biglietto d'ingresso o la documentazione Telepass. Ma è davvero così semplice? OmniAuto.it invita alla cautela.

MODALITA' ANCORA DA DEFINIRE
Anzitutto, il gestore non parla di denaro né di risarcimento, limitandosi a queste parole in politichese: "S'è convenuto di dar corso alle procedure di Conciliazione previste dal Protocollo di Autostrade per l'Italia e le associazioni dei consumatori. Nei prossimi giorni si terranno incontri per definirne le modalità". Secondo, in passato pareva che i gestori dovessero risarcire gli automobilisti vittime di altri blocchi infernali: si veda il passante di Mestre agostano, per citare uno dei tanti casi. Alzi la mano l'automobilista che ha visto un euro... Terzo, a proposito della tanto sbandierata class action (i cittadini che assieme domandano il rimborso al gestore) si deve andare coi piedi di piombo: l'Italia è lontana anni luce, sotto questo profilo, dai Stati Uniti, dove quella pratica è in voga da decenni. E solo per iniziare la class action, servirebbe darne pubblicità sui quotidiani a proprie spese, sborsando più di quanto si intende ottenere.

COME PUÒ FINIRE
È possibile non che finisca a "tarallucci e vino" (Autostrade per l'Italia ha precise responsabilità, non avendo avvertito gli automobilisti del pericolo; c'è chi racconta che sui display fosse scritto "Buon viaggio"...); ma che si arrivi a una soluzione di compromesso: per esempio, 10 euro per ogni ora di blocco nell'incubo dell'A1 (alla nostra lettrice spetterebbero allora circa 120 euro). Anche perché la concessionaria si può sempre difendere sostenendo di aver comunque intrapreso azioni per risolvere il problema, e che si è trovata impotente di fronte ai Tir messisi di traverso.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , autostrade


Top