dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 20 dicembre 2010

Maltempo: caos in autostrada, scatta il rimborso

500 euro la cifra ipotizzata. In via di definizione la procedura

Maltempo: caos in autostrada, scatta il rimborso

Ore e ore bloccati nel traffico perché fuori la neve e il ghiaccio avevano reso la circolazione impossibile. Mezzi pesanti sprovvisti delle dotazioni antineve che sono intraversati e soccorsi sanitari che si sono dovuti muovere a piedi perché le automobili avevano intasato anche le corsie di emergenza. E' questa la scena apocalittica che in migliaia si sono trovati a vivere questo weekend sull'autostrada tra Firenze e Arezzo. Una gigantesca trappola di neve che ha innescato un complesso gioco di rimpallo di responsabilità e che ora dovrebbe concludersi con il rimborso agli automobilisti coinvolti (perché male informati sulle condizioni di viabilità e meteo) e con la "condanna" dei colpevoli (l'Antitrust ha dato il via a un'istruttoria sulle società che hanno penalizzato i viaggiatori). E per oggi pomeriggio il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, ha convocato i vertici di Ferrovie, Anas, Autostrade e Protezione civile, per fare il punto su ciò che è accaduto e individuare eventuali responsabilità. Infatti il Codice del Consumo prevede una multa per le società che non procurano un servizio adeguato al corrispettivo economico ricevuto.

COME SI CHIEDE IL RIMBORSO
Nella riunione di ieri con la Società Autostrade è stato convenuto di riconoscere ai viaggiatori che sono rimasti bloccati in autostrada per il maltempo, oltre alla restituzione del pedaggio pagato, un indennizzo. La procedura per chiedere l'indennizzo sarà quella prevista per le conciliazioni, l'importante è disporre della ricevuta di pagamento o altro documento (Telepass o Viacard) che attesti il disagio subito. In un prossimo incontro dovranno essere definite le modalità del rimborso e l'entità dello stesso, che tuttavia già si dice ammonterebbe a circa 500 euro a persona da erogare con un bonus o con altri servizi dello stesso valore. Gli interessati dovrebbero poter scaricare il modulo di rimborso dai siti delle associazioni dei consumatori, ma c'è anche chi, come l'Adicunsum, suggerisce di non aspettare le indicazioni delle autorità, delle commissioni, dei tavoli di confronto, etc. e di procedere subito con una raccomandata A/R di messa in mora in cui si chiede con dovizia di particolari e numeri il rimborso del danno subito. "Altrimenti entro 15 giorni li si porterà davanti alla giustizia civile", dice l'Adicunsum.

L'ISTRUTTORIA APERTA DALL'ANTITRUST
I primi ad essere finiti nel mirino per l'accaduto sono ovviamente i gestori delle strade. Il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, ha annunciato l'intenzione di aprire un'istruttoria nei confronti delle società che "potrebbero non aver fornito ai viaggiatori le informazioni necessarie a scegliere se partire o no" e che quindi ora rischiano sanzioni. "E' inaccettabile - ha spiegato Catricalà - che un po' di maltempo, previsto anche se intenso, abbia causato i disagi che migliaia di cittadini hanno subito nei giorni scorsi sulle strade e le ferrovie di uno dei Paesi tra i più industrializzati del mondo".

MATTEOLI: "MI MANCAVA SOLO DI SPALARE LA NEVE"
Il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Altero Matteoli, non ha rimorsi. "Io più di quel che ho fatto non potevo fare, mi mancava solo prendere una pala per spalare la neve", ha detto stamattina a Radio 24, spiegando: "Quando ho avuto certezza dell'emergenza ho parlato con i vertici di Autostrade per l'Italia, Ferrovie, Anas, Protezione civile. L'ho fatto decine di volte. Ci ho messo la faccia per una cosa di cui francamente il ministero non è responsabile". Ecco quindi che per oggi ha convocato un tavolo di verifica e confronto. "Ci sono due aspetti che vanno studiati bene - ha detto -: il primo, ci sono responsabilità? Si paghi. Il secondo: abbiamo sbagliato? Io una convinzione me la sono fatta: c'è un'emergenza, partono Anas, Autostrade, Ferrovie, Protezione, ma c'è un coordinamento? Si parte tutti nella stessa direzione? Oggi va chiarito tutto. Poi bisogna che le Prefetture intervengano non facendo entrare nelle autostrade i mezzi". Riguardo invece ai risarcimenti agli utenti, secondo Matteoli si tratta di "un rapporto privato, tra Autostrade e viaggiatori".

ANCHE LA PROTEZIONE CIVILE E' SOTTO ACCUSA
Anche la Protezione Civile, secondo il Codacons, ha sbagliato e il presidente dell'associazione, Carlo Rienzi, non è avaro di critiche: "Cosa aspetta Gabrielli a dimettersi? Alla prima emergenza è riuscito a far rimpiangere Guido Bertolaso - ha deto -. E' da incoscienti e irresponsabili accusare i cittadini per le omissioni ripetute e continuative sulle quali dovrà indagare la magistratura". Immediata la replica del Dipartimento: "Spiace constatare che il Codacons si esprima con tanta veemenza rispetto ad affermazioni che non riguardavano l'intera utenza, quanto piuttosto quei pochi, soprattutto conducenti di mezzi pesanti, che immettendosi non attrezzati adeguatamente in autostrada, hanno concorso a provocare tanto disagio".

ANCHE GLI AUTOMOBILISTI HANNO SBAGLIATO?
La disponibilità di Autostrade per l'Italia a rimborsare gli automobilisti rimasti coinvolti è, a prescindere dall'importo e dalle modalità di ottenimento del denaro, la dimostrazione che qualcosa nella gestione è andato storto. Tuttavia anche gli automobilisti potrebbero aver sbagliato qualcosa. "Mi si dice anche che era difficile entrare e portare i soccorsi perchè l'autostrada era così intasata che i soccorsi si potevano fare solo a piedi", ha detto il ministro Matteoli, riferendosi al blocco da parte delle auto delle corsie di emergenza. E poi c'è la questione dell'informazione e dell'equipaggiamento da neve. Sul lavoro svolto da Autostrade per l'Italia e Anas si sta indagando, ma gli automobilisti si sono informati bene prima di partire? E viaggiavano tutti con le catene da neve a bordo o con gli pneumatici termici?

Link consigliati:
Catene da neve, qualche informazione utile
OmniAuto.it School Snow

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , incidenti , viaggiare , sicurezza stradale , guida sicura , autostrade


Top