dalla Home

Mercato

pubblicato il 17 dicembre 2010

L'automobile è sempre più donna

Il numero di acquirenti in Italia continua ad aumentare

L'automobile è sempre più donna

Il mondo dell'auto si tinge sempre più di rosa. Negli ultimi tre anni il numero di clienti donne in Italia è aumentato, spostando l'ago della bilancia delle immatricolazioni auto sempre più verso la parità dei sessi. Se infatti nel 2008 le donne rappresentavano il 39,7% della clientela auto in Italia, a fronte di una componente maschile pari al 60,3%, come è emerso ieri dalla conferenza annuale dell'UNRAE, nel 2009 il dato è passato al 41,4% (contro il 58,6% degli uomini) ed è arrivato nel 2010 al 41,4% (a fronte del 58,3% rappresentato dagli uomini). Si tratta di un aumento numericamente contenuto, ma particolarmente significativo per gli analisti di mercato e che si accosta alla parallela crescita delle donne impegnate nell'automotive a livello manageriale e industriale.

SEMPRE PIU' DONNE "CLIENTI"
Sebbene manchino ancora i dati dell'immatricolato di dicembre, è già evidente che il peso delle donne nel mondo dell'auto stia aumentando. Proprio per evidenziare tutti i modi possibili in cui una donna utilizza e vive l'auto quest'anno è stato lanciato per la prima volta al Motor Show di Bologna (4-12 dicembre) "Percorso Donna", un itinerario interno al Salone pensato apposta per coinvolgere il pubblico femminile. Segno proprio dell'esigenza da parte delle case automobilistiche di catturare questa sempre più importante fetta di mercato, che molti produttori cercano di conquistare con edizioni speciali di citycar. Ma questo costante coinvolgimento dell'universo femminile nel mondo dell'auto non si verifica solo a livello di clientela, ma anche a quello industriale e manageriale, dove negli ultimi anni alcune donne sono riuscite a farsi strada.

SEMPRE PIU' DONNE "MANAGER"
Ogni anno dal 2000 l'autorevole rivista di settore Automotive News stila la classifica delle 100 migliori donne impegnate nel mondo dell'auto e in 10 anni le candidate sono triplicate. Certo il numero di manager al femminile è ancora molto distante da quello degli uomini, ma alcune di loro, come Laura J. Soave, sono riuscite ad ottenere cariche importanti quali appunto la guida del ritorno del marchio Fiat negli USA dopo 25 anni di attesa. E in Italia? Allo stato attuale è difficile fare una stima perché non esiste una classifica simile a quella stilata negli Stati Uniti e che vi proponiamo di leggere al seguente link.

Autore:

Tag: Mercato , donne motori


Top