dalla Home

Attualità

pubblicato il 13 dicembre 2010

Fiat: oggi l'incontro decisivo

Fiom, Fim e Uilm allo stesso tavolo per discutere di Mirafiori

Fiat: oggi l'incontro decisivo

La svolta potrebbe esserci oggi. Dopo mesi di trattative e botta e risposta a distanza per la prima volta Cgil, Cisl e Uil (Fiom, Film e Uilm) siedono allo stesso tavolo per discutere della riorganizzazione del lavoro nello stabilimento Fiat di Mirafiori, dove - secondo i piani di Marchionne - dovrebbero essere prodotti una berlina e un SUV con marchio Alfa e Jeep. La trattativa è tutt'altro che semplice, ma un accordo sotto l'albero è l'auspicio del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi.

SACCONI: "ACCORDO ENTRO NATALE"
"Le parti - ha detto - sono in grado di definire regole utili a garantire la giusta remunerazione del lavoro, le tutele del lavoro, a partire dallo sviluppo delle competenze, e la piena utilizzazione degli impianti, rimuovendo forme di assenteismo anomalo. Ciò che conta è farlo nel quadro di un accordo collettivo che può essere duttilmente adattato alle esigenze condivise senza antichi pregiudizi o nuovi ideologismi".

MARCHIONNE HA GIA' PRONTO PIU' DI UN PIANO B
Augurandosi che all'accordo si giunga entro Natale, il Ministro ha anche detto di considerare "decisivi" gli investimenti ipotizzati dalla casa torinese a Mirafiori: "Fondamentali sia per l'economia del territorio sia per il futuro radicamento del Gruppo Fiat-Chrysler in Italia". Altrimenti Marchionne ha già pronto più di un piano B e la produzione potrebbe migrare all'estero.

Autore:

Tag: Attualità , Fiat , produzione , lavoro


Top