dalla Home

Mercato

pubblicato il 9 dicembre 2010

In Cina è ancora boom di immatricolazioni

A novembre +27,1%. La crescita di fine anno sarà superiore alle attese

In Cina è ancora boom di immatricolazioni

La Cina cresce e stupisce ancora. Il boom di immatricolazioni che ha trasformato il paese asiatico nel primo mercato automobilistico del pianeta continua e va addirittura oltre le previsioni. A novembre, mentre negli Stati Uniti il mercato è salito del 16,9% (e in Italia è sceso del 21,1%), le vendite totali sono schizzate del 29,3% (1,34 milioni di unità) rispetto ad ottobre e del 27,1% rispetto allo stesso mese del 2009, toccando un nuovo record, grazie ai vantaggi offerti dal sistema di incentivi che potrebbe terminare alla fine dell'anno.

Il bilancio degli 11 mesi 2010 è così salito a quota +34,1%, ovvero a 16,4 milioni di unità immatricolate; un dato che supera le aspettative e che fa prevedere per la fine dell'anno una crescita attorno ai 18 milioni di veicoli, come riferisce l'associazione dei produttori cinesi, China Association of Automobile Manufacturers (CAAM). "Sono numeri che la dicono lunga sulla corsa dei costruttori di auto europei ed americani a ritagliarsi un sito produttivo nel paese asiatico", dicono nelle sale operative. Anche il Gruppo Fiat sta partecipando attivamente; basti ricordare che le auto del Lingotto saranno "Made in China" dal 2012.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , cina


Top