dalla Home

Tuning

pubblicato il 10 dicembre 2010

Mercedes Classe G secondo A.R.T.

G-streetline Edition Sterling il nome scelto per la gelandenwagen

Mercedes Classe G secondo A.R.T.
Galleria fotografica - Mercedes Classe G secondo A.R.T. Galleria fotografica - Mercedes Classe G secondo A.R.T.
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 1
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 2
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 3
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 4
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 5
  • Mercedes Classe G secondo A.R.T.  - anteprima 6

L'immortale fuoristrada della Stella a Tre Punte, la Mercedes-Benz Classe G, ha superato di slancio il trentennio di vita, ma il suo fascino da auto dura e pura rimane inalterato. Di certo l'immagine di veicolo inarrestabile del Gelandenwagen si sposa bene con il significato celato dietro il simbolo della Stella a Tre Punte: "in cielo, per mare, via terra". Per gli incontentabili, tuttavia, esiste sempre la possibilità di andare oltre e la G-streetline Edition Sterling del tuner A.R.T. è appunto dedicata ai più esigenti. La base di partenza è la versione motorizzata con il V8 turbodiesel della G 400 CDI, che non si può certo definire "senza carattere".

In ogni caso, l'elaborazione del propulsore fa sì che la poderosa coppia dell'otto cilindri salga ad un picco massimo pari a 624 Nm, che si traducono in 251 CV di potenza erogabile. Questo miglioramento è stato ottenuto rimappando la centralina ECU e mettendo mano alla linea di scarico, caratterizzata ora dall'utilizzo di acciaio stainless e dall'installazione di terminali laterali, con tre marmitte per entrambi i lati della vettura. Il pacchetto di elaborazione si basa anche su un generale allargamento della carrozzeria, che passa dall'ampliamento dei passaruota, dall'adozione dei paraurti anteriore e posteriore maggiorati e dagli immancabili predellini sottoporta tipici degli allestimenti speciali per le off-road. I LED sono gli altri prtotagonisti dell'aspetto esterno, perchè personalizzano il frontale dell'auto tramite gli indicatori di direzione e fungono da fari di retromarcia e luci di stop al posteriore. Nell'abitacolo domina su tutto il colore verde utilizzato per i rivestimenti in pelle trapuntata, per l'imperiale del tetto e per i pannelli della plancia.

Autore:

Tag: Tuning , Mercedes-Benz , tuning


Top